Superman Donnarumma: la sua parata può valere uno scudetto

Non sempre sono gli attaccanti a prendersi le copertine dei giornali all’indomani di una giornata di campionato; nel caso di oggi, ad esempio, le copertine sono tutte per Gianluigi Donnarumma, autore di un autentico miracolo nella partita di ieri tra Milan e Napoli.

Un miracolo nel giorno del record

Sembriamo quasi abituati a vedere sovente nell’elenco dei migliori in campo il portiere del Milan; spesso però, ci dimentichiamo che Donnarumma ha solo 19 anni, compiuti a febbraio, e tra l’altro proprio ieri, ha registrato un bel record: è infatti diventato il giocatore più giovane nella storia della Serie A a raggiungere 100 presenze in campionato. Un record che resisteva dal 1963, e fino a ieri appartenente ad una leggenda del Milan, Gianni Rivera.

Un miracolo nel giorno del record insomma. Un miracolo davvero memorabile. E’ quello consumatosi nella partita tra Milan e Napoli giocatasi ieri in un San Siro pieno nonostante l’orario pomeridiano; una partita con pochissime azioni degne di nota da una parte e dall’altra; un Milan organizzato bene in difesa nonostante le assenze pesanti di Bonucci e Romagnoli e un Napoli incapace di attaccare come suo solito, peccando di scarso cinismo nell’area avversaria.

All’ultimo minuto l’episodio che potrebbe cambiare tutto: Maggio effettua un cross “sporcato” di testa da Insigne; la palla arriva su Milik, che si trova solo di fronte alla porta; il polacco calcia a botta sicura ma trova un Donnarumma fenomenale che riesce a parare un tiro quasi impossibile: una parata superlativa, di puro istinto, che conferma il valore inestimabile che questo ragazzo rappresenta per l’intero movimento italiano.

Una parata pesantissima

La parata-miracolo Donnarumma è servita al classe ’99 a confermare il suo immenso valore; ha consentito alla sua squadra di conservare un buon pareggio contro la seconda squadra del campionato; ma soprattutto, potrebbe essere una parata pesantissima soprattutto in ottica scudetto.

Il Napoli stava per bissare quello che è accaduto contro il Chievo nella giornata precedente: una sfida vinta all’ultimissima azione a disposizione dei partenopei; ma ciò non è accaduto. E, complice la schiacciante vittoria di ieri della Juventus contro la Sampdoria, adesso il sogno scudetto sembra affievolirsi ancora di più. Il distacco di 6 punti dalla capolista è un distacco molto difficile da colmare, nonostante l’occasione di ridurre questo gap in occasione dello scontro diretto del 22 aprile.

Certo è che, il protagonista in questo caso non c’entra nè con la Juventus nè con il Napoli; ed è Gianluigi Donnarumma. La sua parata potrebbe cambiare le sorti di un’intera stagione; forse, in cuor suo, Gigio spera che già dall’anno prossimo possa di nuovo essere decisivo nell’ambito di una corsa scudetto: la prossima volta, magari, appannaggio del Milan.