I grandi club puntano alla Super League: la fine della Uefa è vicina?

Un ipotetico logo della Super League

La Super League è un’idea costante nella mente dei grandi club europei. Fare una Lega europea che comprenda solo le grandi d’Europa e tolga di mezzo le medie-piccole è il sogno dell’ECA. Al momento, però, rimane appunto questo, perchè la strada per una sua creazione è ancora lunga.

Super League: un sogno impossibile?

Osservando con attenzione l’albo dei vincitori della Champions League degli ultimi anni è lecito chiedersi se il sistema Uefa sia ancora conveniente per le squadre medio-piccole. Queste ogni anno finiscono per essere inevitabilmente sconfitte dalle big europee,  arrivando al massimo ai quarti di finale. La sensazione è che il divario tra squadre grandi e piccole sia destinato ad aumentare. L’altra faccia della medaglia, è che  i padroni del calcio europeo, tra cui Florentino Perez, Karl-Heinz Rummenigge e Andrea Agnelli sono da tempo alla ricerca di soluzioni innovative e più redditizie della Champions League.

Football Leaks ha rivelato che già nel 2016 Real Madrid, Barcellona, Bayern, Juventus, Milan, Manchester United e Arsenal si sono riuniti a Zurigo per muovere i primi passi verso una Super League. Si tratterebbe di una competizione riservata solo ai membri fondatori che apporterebbe ai club benefici sostanziali in termini di diritti tv, con i campionati nazionali in drastico calo di visibilità.

La replica dell’Uefa

Nel frattempo la UEFA, ha risposto con un riforma della Champions, già in vigore da quest’anno, che prevede una distribuzione delle risorse nettamente a favore delle grandi, dal momento che la somma versata ai club sarà non solo legata ai diritti televisivi, ma anche ai risultati raggiunti nelle precedenti edizioni. Forse è ancora presto per trarre conclusioni, ma la prestigiosa “Coppa dalle grandi orecchie” è destinata a scomparire, in attesa di una nuova era della storia del calcio.