Stella Rossa-Napoli 0-0, analisi del match: il muro serbo non cade e i partenopei devono accontentarsi!

La prima gara di Champions del Napoli termina con un deludente 0-0 in casa della Stella Rossa. Risultato brutto per i partenopei, inseriti in un girone di ferro con Liverpool e Psg.

PRIMO TEMPO

All’inizio è Boakye a sfiorare la rete all’8’ ma il suo tiro termina fuori. Poi è il Napoli a prendere il pallino del gioco e va molte volte vicino al vantaggio. Al’18’ i partenopei colpiscono anche la traversa con Insigne a Borjan battuto. Nelle azioni successive a provarci è più volte Milik ma Borjan non trova molte difficoltà a fermare il polacco. Nel finale prova a riaffacciarsi dalle parti di Ospina la Stella Rossa con Ben Nabouhane senza fortuna. Termina così a reti bianchi la prima frazione. 

SECONDO TEMPO

Il primo squillo è sempre azzurro al 56’, questa volta ci prova Mario Rui da calcio piazzato ma il suo tiro sfiora la traversa. Ancelotti decide anche di inserire Mertens ed è il belga è più volte Zielinski a sfiorare il gol ma una serie di coincidenze fanno si che il risultato non cambi. Il Napoli però al 67’ ha una palla gol clamorosa con Callejon che servito da Rui con il mancino supera Borjan ma un difensore della Stella Rossa salva miracolosamente sulla linea. Anche il finale è sempre con i partenopei a caccia della rete ma all’80’ Boakye chiama all’intervento Ospina che evita guai peggiori. Nei restanti minuti non accade più nulla e il Napoli non riesce ad espugnare Belgrado steccando così la prima.