Sliding doors Inter: com’è cambiata la squadra dopo il Tottenham?

I nerazzurri ci prendono gusto e continuano a vincere

L’Inter ha vissuto una settimana probabilmente decisiva ai fini dell’intera stagione; dopo la pesantissima sconfitta interna contro il Parma infatti, i nerazzurri hanno vinto le 3 partite successive.

La svolta in Champions League

Come detto, solo 11 giorni fa, l’Inter perdeva contro il Parma a San Siro: una sconfitta pesantissima, che lasciava presagire un’aria di crisi; il martedì successivo, l’aria si è fatta ancora più pesante nel match del ritorno in Champions League dopo 6 anni contro il Tottenham di Pochettino.

O almeno, fino al minuto 85′, quando Mauro Icardi con un tiro potente e preciso ha rimesso in carreggiata i suoi; come ben sappiamo, la partita è poi finita 2-1 in favore dei nerazzurri grazie all’uomo della provvidenza, Matìas Vecino. In seguito, importantissima è stata anche la vittoria di sabato contro la Sampdoria.

Vincere all’ultimo minuto in uno stadio come il Marassi dà un certo morale, soprattutto a un’Inter così pazza, e questo si è visto anche nell’ultimo impegno della squadra di Spalletti, ieri contro la Fiorentina, in cui l’Inter ha portato a casa altri 3 punti fondamentali per la classifica.

Diversa mentalità, Icardi ritrovato?

I nerazzurri hanno di certo ricavato nuova linfa dal successo in Champions League; da quella partita, Spalletti & Co. hanno effettuato un cambio di marcia evidente, che li ha portati a conquistare 6 punti in campionato. Una squadra più cinica e più consapevole dei propri mezzi.

Ieri tra l’altro, è arrivata anche la prima rete del capitano Icardi, capocannoniere della Serie A nella passata stagione; l’argentino è la punta di diamante della squadra, l’uomo cui fare riferimento, il rapace d’area di rigore, il cecchino (quasi) infallibile. I due gol fatti in questa settimana potrebbero sbloccare definitivamente il bomber classe ’93.

Da lui e dalla sua vena realizzativa ritrovata deve ripartire l’Inter, per continuare a vincere e a convincere, sia in campionato sia nei palcoscenici europei.