Serie A, l’analisi delle partite delle 15: Bonucci espulso, Kolarov lancia la Roma

Sono finite pochi minuti fa le cinque partite delle 15 di Serie A.

Torino-Roma 0-1

Vince di misura la Roma di Di Francesco su un campo difficile come l’Olimpico Grande Torino.

Decide, nel secondo tempo, una magnifica punizione di Aleksander Kolarov che non lascia scampo a Sirigu.

Ancora una rete per il terzino serbo che, dopo il gol al Chelsea di mercoledì, si ripete e regala tre punti fondamentali per i giallorossi, che salgono al quinto posto, ma con una gara da recuperare. Manca ancora la vittoria, invece, ai granata, che non trovano il successo ormai da più di un mese (Udinese-Torino 2-3, 20 settembre).

Milan-Genoa 0-0

Continua, imperterrita, la crisi del Milan, che neanche questo pomeriggio contro il Genoa è riuscito a vincere. Si è visto, a sprazzi, un gioco degno del club rossonero, ma anche oggi è stato fatto troppo poco per poter convincere gli addetti ai lavori.

Il momento chiave della partita arriva al minuto 25′: punizione per i rossoneri, Bonucci sbraccia con Rosi in mezzo all’area e lo colpisce con una gomitata. Il terzino del Genoa inizia a sanguinare e l’arbitro, con l’ausilio del VAR, reputa il gesto del difensore come volontario. E’ rosso diretto per il centrale della Nazionale.

Da quel momento, il Milan prova a sorprendere un buon Genoa, ma in inferiorità numerica non riesce a trovare sbocchi e impatta sul muro dei liguri.

Inizia ad essere lontana l’Europa per Montella e soci, con il sesto posto della Samp distante quattro punti ed il quarto della Lazio distante sei.

Rimane, invece, nelle zone calde della classifica il Genoa, che viaggia a quota 6 punti al 15esimo posto.

Benevento-Fiorentina 0-3

Nona sconfitta consecutiva per il Benevento di Baroni, che rimane ancora a 0 punti dopo la sconfitta contro la Fiorentina.

Apre le danze dopo 18′ Marco Benassi, che è bravo a sfruttare l’ottimo assist di Giovanni Simeone e a infilare Brignoli.

Ad inizio ripresa, Babacar entra al posto di Simeone e dopo 2′ trova il raddoppio: cross di Laurini da sinistra sul secondo palo, Veretout è bravissimo a rimettere in mezzo e a trovare Babacar, che deve solo spingere in rete.

Al 66′ arriva anche il tris. Babacar scappa in profondità e viene steso da Brignoli. Il calcio di rigore è poi trasformato perfettamente da Thereau.

La Fiorentina sale al 9° posto, a pari punti con Torino e Milan. Benevento ultimo a 0 punti.

Atalanta-Bologna 1-0

Vittoria di misura anche per l’Atalanta, che batte 1-0 il Bologna di Donadoni.

Decide, nel secondo tempo, il gol di Andreas Cornelius, subentrato nella ripresa a Brayan Cristante.

Positiva la prestazione dei ragazzi di Gasperini dopo la partita di giovedì con l’Apollon, anche considerando la defezione di Gomez.

Nel finale, il Bologna subisce anche l’espulsione di Giancarlo Gonzalez, ingenuo a farsi ammonire due volte in pochissimi minuti.

Atalanta che inizia a risalire la classifica dopo un inizio difficile e ora si trova al 12° posto, mentre il Bologna viaggia con due punti in più in ottava posizione.

Spal-Sassuolo 0-1

Trova, infine, una sofferta ma importantissima vittoria il Sassuolo di Bucchi, che vince a Ferrara contro la Spal.

Il gol decisivo arriva dopo 40 secondi, con Politano che sfrutta un erroraccio di Vicari per battere Gomis in uscita.

Nel secondo tempo, la Spal prova in ogni occasione a pareggiare i conti, ma Antenucci trova soltanto il palo a dirgli di no. Nel finale succede di tutto: all’82’ Vaisanen stende Ragusa in area di rigore, ma Berardi si fa ipnotizzare da Gomis. Al 90′ Sassuolo in dieci uomini per l’espulsione del neo-entrato Cassata a causa di un fallaccio ai danni di Vicari.

Con questi tre punti, il Sassuolo sale a quota 8 punti e stacca il gruppetto composto da Udinese, Genoa, Cagliari, Crotone e Verona, mentre la Spal si trova un punto sotto queste squadre a quota 5.