Serie A, quinta giornata si sono concluse le tre gare delle 15

CADE LA ROMA A BOLOGNA, LAZIO FACILE VITTORIA SUL GENOA, UDINESE CORSARA A VERONA

Bologna-Roma 2-0

Prima vittoria del Bologna in campionato. Nel primo tempo predominio nel gioco dei giallorossi che provano alcune conclusioni, ma soffrono sulle veloci ripartenze dei felsinei. In avanti la Roma gioca e crea con il portiere del Bologna che para tutto, mentre nel reparto difensivo sembra che qualcosa non funzioni. Infatti al 36’ Mattiello trova una conclusione a giro che fulmina Olsen. Dopo essere passata in svantaggio la Roma reagisce e ha due grandissime occasioni, prima con Fazio (ancora bravo Skorupski) e con un tiro poco fuori di Pellegrini. Nella ripresa giallorossi in difficoltà e con poche idee e al quarto d’ora Santander, liberato da un ottimo assist di Falcinelli porta gli emiliani sul 2-0. I giallorossi cercano di reagire, creano alcune occasioni (incredibile quella capitata a Dzeko al 72’) ma rischiano moltissimo in contropiede.

Chievo-Udinese 0-2

Vittoria in trasferta dei friulani in casa di un Chievo in crisi di risultati. Inizio partita abbastanza bloccato e con poche emozioni, nella seconda parte del primo tempo l’Udinese riesce a creare due occasioni Con Pussetto e Fofana, mentre i Clivensi rispondono con due conclusioni di Stepinski e Tomovic. Nella seconda parte di gara bisogna aspettare il 71’ per vedere una conclusione in porta. Scuffet però è bravo a bloccare su Rossettini. Dopo un’altra occasione per il Chievo al 75’ (Stepinski di testa manda fuori di poco), l’Udinese passa in vantaggio. De Paul (al quarto gol in campionato) mette la palla nel sette con un tiro da lontano. I friulani controllano fino al 90’ quando raddoppiano in contropiede con Lasagna.

Lazio-Genoa 4-1

Facile vittoria della Lazio, la quarta consecutiva tra campionato ed Europa League. Partenza convinta dei biancocelesti che si rendono subito molto pericolosi e sbloccano il risultato dopo sei minuti con Caiceido. Sempre in controllo della gara al 22 ‘ segnano il raddoppio con un tocco morbido di Immobile innescato da Parolo. Il Genoa prova una timida reazione ma con poca pericolosità. Ad inizio secondo tempo un contropiede riporta il Genoa in partita. Kouamè si invola, rimette al centro smarcando Piatek davanti a Strakosha (complice un errore di Acerbi) non sbaglia. La speranza dei liguri di poter rimettere in pari la partita dura poco. MIlinkovic Savic su cross di Lulic incorna il gol del 3-1 al 53’. I padroni di casa sfiorano ripetutamente il quarto gol, mentre il Genoa cerca in contropiede di riportarsi in partita ma senza mai creare occasioni nitide. Il sigillo della Lazio arriva quasi a tempo scaduto. Immobile ribadisce in rete il pallone respinto da Marchetti su una bella conclusione di Correa.