Serie A, Napoli-Milan 3-2: pagelle e dichiarazioni della gara

Napoli-Milan 3-2: pagelle
Napoli-Milan 3-2: pagelle

Vince in rimonta il Napoli di Carlo Ancelotti contro il Milan di Gattuso. Dopo le reti di Bonaventura e Calabria si scatena la furia di Zielinski e Mertens, che regalano i tre punti ai partenopei. Vediamo insieme le pagelle della gara e le dichiarazioni rilasciate nel post-partita.

Tabellino e pagelle: Zielinski top, Biglia e Bakayoko in affanno

NAPOLI (4-3-3): Ospina 6; Hysaj 5.5, Koulibaly 6.5, Albiol 6, Rui 5.5  (28′ st Luperto 6); Allan 7, Hamsik 5 (18′ st Mertens 6.5), Zielinski 8 (27′ st Diawara 6.5); Callejon 6, Milik 5.5, Insigne 6.5. All. Ancelotti

MILAN (4-3-3): G. Donnarumma 5.5; Calabria 6.5, Musacchio 6, Romagnoli 6.5, Rodrigiuez 6; Kessiè 5.5, Biglia 5 (12′ st Bakayoko 5.5), Bonaventura 6.5 (39′ st Cutrone ng); Suso 6, Higuain 6.5, Borini 6 (25′ st Laxalt 6). All. Gattuso

ARBITRO: Paolo Valeri di Roma

MARCATORI: pt 15′ Bonaventura; st 3′ Calabria, 7′ e 21′ Zielinski, 34′ Mertens

NOTEAMMONITI: Insigne, Suso, Rodriguez

Parla Ancelotti: “Bellissima partita”

L’allenatore azzurro ha commentato la vittoria sul Milan ai microfoni di DAZN: “È stata una bellissima partita, anche da parte del Milan che ha giocato con un buon controllo nella prima parte di gara. Poi c’è stato il nostro ritorno con veemenza, frutto di molta personalità. Il doppio vantaggio non era meritato secondo me, ma la spinta del pubblico è stata straordinaria e decisiva. Personalmente è stata una serata fantastica, di grandi emozioni.

Infine Ancelotti ha parlato della nuova posizione del capitano Hamsik: “Sta facendo bene, migliorerà con il tempo ma sono già contento di quello che sta facendo. L’abbraccio con Gattuso? Conservo un bel ricordo di tutti i giocatori che ho allenato, ma con Rino è particolare”.

Il microfono passa a Gattuso

Queste le sue dichiarazioni rilasciate a DAZN da Rino Gattuso: “Bisogna analizzare perché si perde. Fino al 55′ abbiamo fatto bene. Il rammarico più grande è essere scomparsi dal campo dopo l’1-2, non siamo stati squadra. Abbiamo fatto il contrario di ciò che dovevamo. Ci abbiamo messo del nostro, c’è rammarico e dispiace. Un errore individuale ci può stare, però poi bisogna essere forti. Il nostro grande difetto è non riuscire a stare in partita in questi momenti”.