Roma per mantenere il terzo posto. Genoa salvo

Domani sera allo stadio Olimpico di Roma andrà in scena il match di campionato valido per la 33^giornata di Serie A. Ad affrontarsi saranno la Roma di Di Francesco ed il Genoa di Ballardini. Momento opposto per le due squadre, con i giallorossi che sono reduci da tre partite senza vittorie. L’ultima risale al 18 marzo scorso, quindi serve un successo per non rischiare di perdere il posto in Champions League. Il Genoa, invece, è reduce da quattro risultati utili consecutivi e non perde dal 18 marzo. La salvezza ormai è raggiunta, ora occorre concludere bene il campionato. La Roma non segna da tre gare consecutive ed ha eguagliato il record risalente al 1994. E questa statistica può essere aggiornata, in quanto il Genoa, con Ballardini in panchina, ha subito solo 12 reti. Solamente la Juventus ha fatto meglio, incassando solo 7 gol. Negli ultimi undici confronti in Serie A, la Roma ha sempre battuto il Genoa, con una media di 2.6 gol a partita.

Riassunto match di andata

All’andata, il 26 novembre, la partita è terminata 1-1. La Roma ha visto infrangersi il record di 13 vittorie consecutive in trasferta. Match equilibrato con occasioni nel primo tempo da una parte e dall’altra, su tutte quella capitata sui piedi di Taarabt che partito in posizione regolare non riesce a tirare, complice un intervento decisivo di Juan Jesus. Il gol della Roma arriva al 59′ grazie alla rete di El Shaarawy, che scarta Izzo e scaraventa in rete l’1-0. Circa 10′ più tardi, De Rossi colpisce al volto Lapadula con un pugno. L’arbitro espelle il capitano della Roma grazie all’utilizzo del VAR ed assegna il calcio di rigore in favore del Genoa. Lo stesso attaccante ex Milan e Pescara realizza e mette in ghiaccio il risultato. Nel finale Di Francesco prova a vincerla, ma la traversa colpita da Strootman all’85’ frena i giallorossi.

Dichiarazioni dei protagonisti

EUSEBIO DI FRANCESCO: “Ora dobbiamo pensare solo al Genoa. Domani c’è una partita molto importante per noi. Però è chiaro che il fascino della Champions League attira maggiormente i tifosi, però dobbiamo concentrarci anche sul campionato. Contro la Lazio è stata una partita difficile contro un avversario molto arrabbiato, ma non si può dire che la squadra stesse pensando ancora alla Champions ed al Barcellona. Noi dobbiamo risolvere anche i problemi legati al fatto per cui noi contro le cosiddette piccole fatichiamo. La difesa a tre potrebbe spiegare in parte questo problema, ma non è solo per quel motivo. Farò qualche cambio in vista anche dei prossimi impegni, però ritengo Dzeko fondamentale per questa squadra e per il nostro modo di giocare. Anche Gonalons è molto importante per noi e date le sue qualità, se commette qualche errore viene rimarcato insistentemente. Si allena sempre al 100% delle sue possibilità.”

DAVIDE BALLARDINI: “Questa è una storia bellissima che merita di essere raccontata, ma non ora. Mancano sei giornate al termine del campionato e dobbiamo onorarle. Siamo davvero contenti di quanto fatto finora e speriamo di continuare così. La Roma è una grande squadra che si merita i complimenti per ciò che sta facendo in Italia ed all’estero. Però non voglio vedere in alcun modo spensieratezza. Vorrei vedere una squadra che si muove armoniosamente in entrambe le fasi di gioco. Se non riusciamo rischiamo di prenderne quattro. Il mio futuro lo chiarirò al termine del campionato. Se sono al Genoa è merito di Preziosi che ha creduto in me. Ringrazio la gente che mi vuole bene. Domani sera, però, c’è una gara molto importante. Sarà previsto del turn over, in quanto ho un po’ di giocatori non disponibili.”

Probabili formazioni

Per il match di domani di Serie A, le probabili formazioni di Roma-Genoa

ROMA (4-3-3): Alisson; Florenzi, Juan Jesus, Fazio, Kolarov; Pellegrini, Gonalons, Nainggolan; El Shaarawy, Dzeko, Under. All. Di Francesco

GENOA (3-5-2): Perin; Pereira, Rossettini, Zukanovic; Lazovic, Rigoni, Bertolacci, Hiljemark, Laxalt; Galabinov, Pandev. All. Ballardini