Serie A, la Juventus supera agilmente l’ostacolo Spal: allo Stadium finisce 2-0

Mg Torino 24/11/2018 - campionato di calcio serie A / Juventus-Spal / foto Matteo Gribaudi/Image Sport nella foto: esultanza gol Cristiano Ronaldo

Serie A Juventus Spal 2-0 / Dopo la sconfitta della Roma nel pomeriggio, ci si chiedeva se il turno successivo alla sosta per le Nazionali potesse portare un’altra sorpresa, potenzialmente assai più clamorosa. Non è stato così e la Juventus, nel proprio stadio, ha trovato la dodicesima vittoria su tredici partite in questo campionato, battendo anche la Spal con il risultato di 2-0.

La partita

Allegri decide di fare un leggero turnover in vista del turno di Champions League, che martedì vedrà i bianconeri affrontare in casa il Valencia. In campo ci vanno, quindi, Perin, De Sciglio, Rugani, Bentancur e Cuadrado al posto di Szczesny, Cancelo, Chiellini, Matuidi e Dybala.

Dopo un inizio non travolgente, la Juve trova il vantaggio con un’autorete, ma l’arbitro La Penna annulla. Al momento del rinvio corto di Gomis, infatti, Mandzukic (che poi ha strappato il pallone a Bonifazi) si trovava all’interno dell’area di rigore. Sugli sviluppi, poi, era arrivato l’autogol che avrebbe portato avanti i bianconeri.

Il dominio di Madama, tuttavia, porta al gol venti minuti più tardi, al 29′, col il solito Cristiano Ronaldo. Punizione dalla destra battuta da Pjanic, palla che arriva a CR7 a centro area che batte Gomis con il sinistro di controbalzo. La reazione della Spal non arriva, anche grazie ad una solidità difensiva ritrovata per stasera e alla serata di grazia di gente come Douglas Costa.

Nel secondo tempo, è proprio il brasiliano ad andare ad un passo dal raddoppio, con un sinistro terrificante che si schianta contro il palo. L’ex Bayern e Shakhtar riesce comunque ad entrare nel gol del raddoppio quando, servito da Ronaldo, scarica il sinistro parato da Gomis, sul quale si avventa Mandzukic per il tap-in vincente.

Nel finale, la Juve abbassa i ritmi e arriva al 90′ mantenendo il risultato di 2-0. Dodici vittorie in 13 partite, miglior partenza della storia del club. Domani, battendo il Chievo, il Napoli può tornare a -6, ma per stanotte, la distanza aumenta a 9 punti di distacco.