Serie A, Inter ancora ko: ora Spalletti è appeso ad un filo

Inter Spalletti / Accreditata dalla folla come anti-Juve, l’Inter di Luciano Spalletti si è sciolta come neve al sole dopo sole quattro partite. I nerazzurri, ad oggi, hanno quattro punti, frutto di una vittoria, un pareggio e due sconfitte contro le non irresistibili Sassuolo e Parma.

Pochi gol e possesso inutile

Oltre ad una dose non indifferente di sfortuna, l’Inter ha un grosso problema: i gol. Finora sono soltanto 5 i gol segnati, 2 al Torino e 3 al Bologna. Poi, contro Sassuolo e Parma, 0 e 0, con tanti, tanti tiri verso la porta avversaria.

Icardi, il bomber principale dell’Inter, è ancora a 0 gol. Stessa cosa Keita, suo primo sostituto. Ne ha messo a segno uno Nainggolan, appena arrivato dalla Roma, e 2 Perisic, top scorer finora. Gli altri gol li hanno messi a referto De Vrij e Candreva.

Contro il Parma si è notata una certa sterilità nel palleggio. I nerazzurri hanno avuto il 73% del possesso palla, ma raramente questo possesso ha portato ad azioni particolarmente pericolose. Ancora insufficiente Gagliardini, preoccupantemente involuto dopo gli ottimi esordi con l’Atalanta e nei primi tempi con l’Inter. Da un po’ di tempo a questa parte, il centrocampista della Nazionale soffre terribilmente nelle zone nevralgiche del campo. Continua a dargli fiducia, però, Spalletti, a discapito di Vecino, artefice della qualificazione in Champions lo scorso anno. Per l’uruguaiano, finora, seconda panchina consecutiva, che coincide con il ritorno di Nainggolan. Il passaggio al 4-2-3-1, infatti, non sembra comprendere l’ex Empoli e Fiorentina.

Partenza shock

A questo punto, con questo inizio di campionato davvero terribile, a rischiare moltissimo è Spalletti. Nella storia del club, quella di quest’anno è la terza peggior partenza, al pari delle stagioni 95-96 e 2011-12, con Gasperini in panchina ed esonerato praticamente subito.

Le prossime due partite saranno fondamentali per l’ex tecnico della Roma. Martedì sera a San Siro arriva il Tottenham di Pochettino, mentre il prossimo weekend l’Inter sarà ospite della Sampdoria a Marassi. Non sono permessi passi falsi. Altrimenti l’avventura di Spalletti in nerazzurro potrebbe considerarsi conclusa.