Premier League al via: ecco la griglia di partenza

La nuova stagione di Premier League è alle porte. Domani si parte, vediamo la griglia di partenza alla vigilia dell’inizio del campionato.

1° FILA: MANCHESTER CITY E LIVERPOOL

I favoriti non possono essere che loro, i campioni in carica. Guardiola proverà a ripetersi per il secondo anno consecutivo anche se non sarà affatto facile considerata la grande concorrenza. Di certo sarà d’aiuto l’acquisto di Mahrez, che rappresenta un’ulteriore iniezione di qualità in una squadra che non ne difettava. Tra le squadre più accreditate a dare fastidio ai Citizens c’è senza dubbio il Liverpool, reduce da una stagione europea straordinaria e rinforzatosi molto sul mercato. Gli arrivi di Alisson, Fabinho e Naby Keita vanno a colmare dei vuoti che l’anno scorso si sono fatti sentire.

2° FILA: MANCHESTER UNITED E TOTTENHAM

Nonostante la forte delusione di Mourinho per l’immobilismo sul mercato (eccetto l’acquisto di Fred) la rosa dei Red Devils non è mai da sottovalutare. Già il fatto di aver tenuto in squadra Pogba e tutti i top player sembra assicurare una posizione sul podio, anche se l’era dello Special One a Manchester sembra essere arrivata al capolinea. Chi non ha proprio fatto acquisti è il Tottenham, ma la permanenza dei vari Kane, Eriksen e Alli può già essere considerata una vittoria. L’affiatamento raggiunto dai giocatori, che si conoscono alla perfezione, può rappresentare una marcia in più in un anno in cui i tifosi chiedono qualche coppa.

3° FILA: CHELSEA E ARSENAL

Il colpo più grande del mercato del Chelsea, in contro tendenza rispetto agli ultimi anni, è stato l’allenatore. Con Sarri inizia un nuovo ciclo per i Blues e l’arrivo di Jorginho ne è la testimonianza. I colpi più significativi insieme all’italo-brasiliano sono quelli last minute di Kovacic e Kepa (per sostituire Courtois). L’Arsenal invece ha fatto diversi acquisti (Torreira, Leno, Sokratis, Lichtsteiner) ma complessivamente il livello appare più basso di quello delle rivali. Il primo anno senza Wenger inizierà con le solite difficoltà in difesa e non solo.

4° FILA: EVERTON E LEICESTER

Il mercato dell’Everton è di quelli stellari, che rendono la qualificazione in Europa un obiettivo chiaro. Sono arrivati Richarlison, Digne, Mina, André Gomes e Bernard: tutti giocatori che potenzialmente scenderanno in campo tra i titolari. Il Leicester invece ha ceduto Mahrez ma ha fatto tanti piccoli acquisti per completare la rosa in ogni reparto. Gli arrivi di Maddison, Pereira, Soyuncu, Benkovic, Ghezzal, Ward ed Evans hanno richiesto un esborso totale di 114 milioni.

5° FILA: WEST HAM E NEWCASTLE

Il West Ham con il mercato sontuoso effettuato deve di certo fare un salto di qualità rispetto alle ultime stagioni. Felipe Anderson, Perez, Diop, Yarmolenko, Fabianski e Wilshere sono tutti giocatori che possono far ambire ad un piazzamento in zona Europa. Per il Newcastle invece pochi acquisti ma mirati per ripetere quanto di buono fatto la scorsa stagione. Vestiranno bianconero questa stagione Muto, Merino, Fernandez, Schar e Rondon: tutti giocatori utili alla causa sebbene non siano nomi roboanti.

6° FILA: BURNLEY E CRYSTAL PALACE

Dopo un’ultima stagione straordinaria il Burnley dovrà sapere dividere le energie tra campionato ed Europa League. Il mercato ha regalato Gibson, Vydra e il discusso portiere Joe Hart. Basterà per ripetersi? Probabilmente no. Il Crystal Palace da parte sua ha mantenuto più o meno la squadra dell’anno scorso a cui ha aggiunto la fisicità di Kouyaté a centrocampo. L’obiettivo è confermare la posizione a metà classifica dello scorso campionato.

7° FILA: BOURNEMOUTH E SOUTHAMPTON

In settima fila troviamo due squadre che mirano ad una salvezza tranquilla. Il Bournemouth, a fronte della pesante cessione di Afobe, ha puntellato la rosa con Lerma, Rico e Brooks. Il Southampton invece per non soffrire fino all’ultimo come la scorsa stagione ha comprato Vestergaard, Elyounoussi, Gunn e Armstrong.

8° FILA: WATFORD E BRIGHTON

Dopo una buona stagione il Watford dovrà fare a meno di Richarlison e soprattutto dell’allenatore Marco Silva. La salvezza resta l’obiettivo minimo, considerati anche gli acquisti di Masina, Sema, Navarro e Wilmot. Il Brighton invece ha speso molto (quasi 70 milioni tra Jahanbakhsh, Bissouma, Bernardo, Montoya, Andone, Button, Burn e Tau) ma sono tutti o quasi giocatori provenienti da campionati esteri. La velocità con cui sapranno calarsi nella realtà della Premier League dirà molto delle ambizioni della squadra.

9° FILA: WOLVERHAMPTON E FULHAM

Attenzione al Wolverhampton, squadra con una filosofia molto definita e che ha investito tanto dal mercato. Gli arrivi di Traorè, Boly, Moutinho, Bonatini e Jimenez uniti ai giocatori di talento già presenti in rosa potrebbero rendere i Wolves la vera sorpresa del campionato. La salvezza intanto è ampiamente alla portata. Il Fulham da parte sua per mantenere la categoria ha investito tantissimo, acquistando giocatori di livello assoluto come Seri, Mitrovic, Schurrle, Sergio Rico, Chambers, Vietto, Mawson, Joe Bryan, Fabri e Le Marchand.

10° FILA: HUDDERSFIELD E CARDIFF CITY

Sarà più dura quest’anno per l’Huddersfield salvarsi nonostante i colpi Kongolo, Diakhaby, Sobhi, Durm e Hadergjonaj. La competizione è spietata e ci sarà da soffrire fino alla fine. Il Cardiff infine sembra la più autorevole candidata alla retrocessione con i soli acquisti di Murphy, Reid, Smithies e Cunningham che sembrano troppo poco per la categoria.