Piatek non si ferma più: nessuno come lui in Europa

La punta del Genoa continua a stupire

La vera sorpresa di questo inizio di campionato è senza dubbio l’attaccante del Genoa Krzysztof Piatek, capace di segnare 6 reti nelle prime 5 partite. La punta polacca sembra che non abbia alcuna intenzione di fermarsi.

Un avvio sorprendente

L’attaccante classe ’95 è stato acquistato dal Genoa l’8 giugno del 2018, prelevato dai modesti polacchi del KS Cracovia; nella stagione precedente, Piatek aveva messo a segno 21 reti.

Nella prima uscita ufficiale del Grifone il numero 9 si presenta in grande stile: poker in Coppa Italia ai danni del Lecce, e prime impressioni positive su di lui. Con l’inizio del campionato, però l’attaccante ha stupito ancor di più: sono 6 infatti le rete messe a segno finora, almeno una per gara.

Una media spaventosa quella del polacco (10 reti in 6 partite stagionali), che però non ha alcuna intenzione di fermarsi. L’ottimo inizio di stagione con i rossoblu ha tra l’altro consentito a Piatek di esordire per la Nazionale polacca, reduce dalla delusione dei Mondiali 2018.

Record e paragoni

Con le reti messe a segno fino a questo punto, Piatek ha già infranto vari record: ad esempio, il primo giocatore del Genoa a segnare 4 gol in una partita di Coppa Italia e a segnare nelle prime 5 partite in campionato; e ancora, con 5 reti nelle prime 4 partite di Serie A eguaglia il record di Andriy Shevchenko che durava dal 2000; ma soprattutto, attualmente Piatek è il primo giocatore in tutti i principali campionati europei ad essere arrivato già in doppia cifra. Alla faccia di Messi, Ronaldo & Co.

Piatek fa già gola a tantissimi club europei, e i paragoni con altri grandi calciatori già si sprecano; quello più ricorrente è quello con il suo connazionale Robert Lewandowski, bomber del Bayern Monaco. Piatek preferisce evitare questo tipo di paragone, ma effettivamente alcune caratteristiche combaciano con il profilo di Lewa: difatti, forza fisica e senso del gol sono i suoi principali biglietti da visita, quelli di una punta che servirà al Genoa come il pane per la corsa salvezza, e chissà, magari anche per obiettivi più importanti.