Home Blog

Le partite di serata: Donnarumma Show in Serie B, torna a vincere l’Athletic. Pari Everton-Watford

Le partite di serata / Il questo freddo Monday Night di dicembre, si sono giocate tre partite importanti in giro per l’Europa. Su tutte, il posticipo di Premier League, che a Goodison Park metteva di fronte l’Everton di Marco Silva (ex della partita) ed il Watford di Javi Gracia. In Liga, in campo l’Athletic Bilbao, alla prima gara dopo l’esonero di Berizzo e con Garitano in panchina, contro il sorprendente Girona settimo in classifica. Infine, in Serie B, la Salernitana ospitava il Brescia di Corini, sempre più lanciato verso le zone alte di classifica.

I risultati

Partiamo dall’Inghilterra, dove l’Everton riesce ad acciuffare, in extremis, un importante pareggio contro il Watford di Javi Gracia. I Toffees, allenati dall’ex tecnico proprio degli Hornets Marco Silva, passano in vantaggio nel primo tempo con Richarlison, anche lui acquistata proprio dal Watford. Nel secondo tempo, però, i londinesi trovano un terribile uno-due che sembra mandare ko la squadra di Liverpool. Al 63′, Coleman infila la propria porta e due minuti dopo, a sigillare il sorpasso, ci pensa Doucouré, con il suo primo gol in campionato. Quando tutto sembra ormai deciso, arriva Lucas Digne, ex terzino di Roma e Barcellona, a regalare il pari all’Everton al sesto minuto di recupero.

Importantissima vittoria, in Spagna, per l’Athletic di Bilbao, che batte, anche lui in extremis, il Girona di Eusebio. Decide, al secondo minuto di recupero del secondo tempo, un calcio di rigore trasformato dal solito Aritz Aduriz, al suo primo gol in campionato dopo i quattro segnati all’Huesca in Coppa del Re. Una vittoria, quella del Bilbao, che dà ossigeno ai baschi, ancora invischiati nelle zone caldissima di classifica.

Infine, chiudiamo con il successo esterno del Brescia all’Arechi contro la Salernitana per 3-1. Decisivo, per le Rondinelle, il solito Alfredo Donnarumma (ex di turno), che mette a segno una tripletta con gol al 5′, al 9′ e al 32′ del primo tempo, siglando il suo ottavo, nono e decimo gol in stagione. Nel finale, Di Tacchio rende meno amara la sconfitta per i campani di Colantuono.

 

L’Arsenal si gode un super Torreira!

Lucas Torreira, centrocampista uruguaiano classe 95 in estate è passato dalla Sampdoria ai Gunners del post-Wenger guidati dal tecnico Emery.
Dopo essere stato cercato da mezza Europa, italiane comprese, l’uruguaiano è entrato di diritto nei migliori acquisti del calciomercato estivo, considerando le ultime partite in cui ha sfornato gol e assist.

UN INIZIO IN SORDINA
L’approccio alla Premier League è stato graduale, come è giusto che sia per chi arriva in un nuovo campionato, soprattutto quando è completamente diverso da quello precedente, come quello italiano, e se occupi un ruolo delicato come il centrocampo.
Nelle prime 5 partite della stagione, infatti, Torreira è sceso in campo solo da subentrato.
Prima maglia da titolare il 23 settembre scorso nella partita contro l’Everton vinta per 2-0.

LE ULTIME PRESTAZIONI
Da quella partita sempre titolare con prestazioni degne di nota impreziosite da premi come Man of the match. Il primo gol, la settimana scorsa, 2 dicembre in un derby difficile contro gli Spurs vinto nettamente per 4-2. Proprio di Torreira il gol che chiude la partita.
Nell’altro big match contro lo United è suo l’assist per il gol del vantaggio di Mustafi.
Fino ad arrivare alla firma dell’1-0 di sabato scorso 8 Dicembre.
Un giocatore esploso definitivamente, sarà determinante per il percorso in campionato dell’Arsenal?
Nel frattempo la Sampdoria ha annunciato ironicamente sul proprio profilo Twitter di avere la casella di posta piena di messaggi di ringraziamento da parte dei tifosi dell’Arsenal.
E’ lecito chiedersi se un giocatore del genere sarebbe servite alle big italiane, e se avrebbe fatto la differenza come sta facendo nelle ultime partite.

Champions League: verso Inter-Psv

Luciano Spalletti non vuole una squadra superficiale contro il Psv Eindhoven. L’Inter nelle ultime tre uscite contro Tottenham, Roma e Juventus ha raccolto solo un punticino su 9 disponibili. La parola d’ordine di questa sfida è vincere, a tutti i costi, vincere i propri impulsi (autodistruttivi a tratti), l’Inter deve vincere sopratutto contro se stessa, anche perche non ci sono dubbi che i nerazzurri siano capaci di sopraffare la formazione olandese di Van Bommel.

La carica degli Ottantamila:

Mi aspetto che ci sarà la presenza emotiva da trasmettere allo spettacolo che ci sarà domani. Di sicuro in questa sta l’unico sicuro sempre di una maglia da titolare è il nostro pubblico. Sono quelli che hanno lavorato meglio di tutti in questi due anni, sempre presenti a far sentire il loro supporto anche nelle partite in cui non siamo stati al livello di quello che dovrebbe sempre essere il nostro calcio“. Non ci saranno purtoppo Vecino e Nainggolan causa infortuni, ha spiegato il tecnico toscano:“Gli abbiamo fatto fare un esame e probabilmente non sarà disponibile. Anche Nainggolan ha fatto un esame e ha bisogno di qualche giorno per evitare di avere ricadute. Questo però lo valuteremo nelle prossime ore, mentre il problema di Vecino ora sembra difficile da risolvere”.

“Barca B” contro gli Spurs:

Non arrivano buone notizie dalla Catalogna per l’Inter. Secondo la stampa iberica, Ernesto Valverde farà parecchio turnover per la gara di domani sera contro il Tottenham, una gara da cui dipende anche il destino dei nerazzurri: in caso di successo degli hotspurs, l’Inter verrebbe relegata all’Europa League.

Sassuolo-Fiorentina: pari e spettacolo! Simeone ritrova il gol

Sassuolo-Fiorentina: pari e spettacolo a Reggio Emilia

Domenica 8 dicembre alle ore 12.30 è andato in scena a Reggio Emilia il match Sassuolo-Fiorentina. Al Mapei Stadium è stato uno spettacolo assoluto, una partita molto combattuta che ha visto ben sei gol, due espulsi, sei ammoniti e nove minuti di recupero. Sassuolo e Fiorentina pareggiano una partita che i neroverdi avrebbero meritato probabilmente di vincere e che farà discutere per l’entità del recupero concesso nel secondo tempo. Il Sassuolo è arrabbiato, la Fiorentina ritorna a Firenze con un punto in tasca dopo una prestazione troppo passiva.

Situazione Fiorentina

La Fiorentina non è certo guarita da un periodo buio carente di risultati, non vince da più di due mesi registrando nelle ultime otto partite, due sconfitte e sei pareggi. Il gol di Mirallas all’ultimo respiro migliora la situazione viola. Uno dopo l’altro Pioli ha inserito Chiesa, Simeone e Mirallas e dalla panchina sono arrivati una scossa emotiva e gol. I problemi rimangono: la squadra è apparsa troppo contratta, sbloccandosi solo quando non aveva più nulla da perdere. È stata una questione psicologica più che un discorso tecnico relativo al gioco che a inizio stagione aveva entusiasmato tutto l’ambiente. Pioli deve assolutamente rimediare a questa situazione, facendo ritornare la viola di inizio stagione. Questa non è assolutamente la Fiorentina che i tifosi vogliono vedere. La nota lieta per la viola è il ritorno al gol del Cholito Simeone.

Situazione Sassuolo

Il Sassuolo ha molto da rammaricarsi di questa partita. Il suo allenatore, De Zerbi starà sicuramente ripensando a quei sette minuti di blackout: dal gol di Benassi dell’89° minuto al pareggio di Mirallas all’ultimo secondo del 96°. Sono costati ben due punti che avrebbero rilanciato il Sassuolo in piena zona Europa League,migliorando nettamente la posizione di classifica attuale. La sciagurata espulsione di Djuricic ha causato momenti nevrotici ai suoi compagni dando un’ulteriore spinta all’offensiva viola. Ma è tutta la squadra che si è abbassata troppo, permettendo alla Fiorentina di pareggiare il match nel finale in modo incredibile. Il Mapei Stadium per i neroverdi sta diventando un vero e proprio tabù, non vincendo dal 21 settembre.

 

 

Liverpool-Napoli: presentazione match e probabili formazioni

Liverpool-Napoli

Martedì 11 dicembre andrà in scena ad Anfield Road il match Liverpool-Napoli, scontro decisivo per la qualificazione agli ottavi di Champions League. Gli azzurri si presentano in terra inglese in vetta al girone C avendo a disposizione più di un risultato per qualificarsi.

Il Napoli passa agli ottavi vincendo o pareggiando, ma anche perdendo con massimo un gol di scarto segnandone almeno uno. Con la sconfitta per 1-0 passerebbe invece il Liverpool. Essendo prima nel girone, la squadra azzurra si qualificherebbe anche perdendo ad Anfield, Se il Paris Saint-Germain perdesse a sua volta in casa della Stella Rossa.
In caso di sconfitta a Liverpool e di pareggio tra Stella Rossa e PSG, gli unici risultati che permetterebbero al Napoli di passare sarebbero sconfitte di misura per 4-3 o superiori.

Probabili formazioni

LIVERPOOL (4-3-3): Alisson; Alexander-Arnold, Matip, Van Dijk, Robertson; Milner, Wijnaldum, Keita; Salah, Firmino, Mané. Allenatore Klopp
NAPOLI (4-4-2): Ospina; Maksimovic, Albiol, Koulibaly, Mario Rui; Callejon, Allan, Hamsik, Fabian; Mertens, Insigne. Allenatore Ancelotti

Programma partite di oggi, Lunedì 10 Dicembre e orari

Queste le partite in programma di oggi Lunedì 10 nei vari campionati e orari d’inizio.

Lega PRO (gir. A)

Pro Vercelli-Cuneo ore 20:45

Serie B

Salernitana-Brescia ore 21.00

Premier League (ING)

Everton-Watford ore 21.00

La Liga (SPA)

Athletic Club-Girona FC ore 21.00

 

Serie A, Milan-Torino 0-0: analisi del match. Frenata Champions per i rossoneri!

Termina a reti bianche il posticipo della 15° giornata di Serie A tra Milan e Torino. Pareggio complessivamente giusto con i granata più pericolosi nel primo tempo ed i rossoneri migliori nella seconda frazione.

PRIMO TEMPO

Inizia meglio la gara il Torino: Ansaldi mette un cross perfetto per il colpo di testa di Iago Falque da due passi ma Donnarumma è miracoloso. Meité ci prova dal limite con il mancino, palla a lato. Poi è Belotti a botta sicura a mandare lato da pochi passi. A poco a poco però cresce il Milan e Sirigu è costretto ad una bella parata su Cutrone dopo un tiro rimpallato di Higuain. Ancora Torino pericoloso: il tiro di Belotti viene deviato in angolo e sull’azione successiva Izzo di testa ci prova spedendo alto. L’ultima occasione del primo tempo è ancora per Higuain che di sinistro non inquadra la porta.

SECONDO TEMPO

Nella ripresa è il Milan invece a prendere in mano il pallino del gioco. Calhanoglu su assist di Higuain stoppa in area e con il mancino calcia a lato. Calabria mette un cross insidiosissimo in mezzo all’area su cui è provvidenziale Izzo ad anticipare Castillejo e mandare in angolo. Qualche minuto più tardi Suso si mette in proprio e con un destro violento colpisce l’esterno della rete. L’occasione più grande della partita arriva ad una manciata di minuti dalla fine: assist di tacco di Zapata per Cutrone che a tu per tu con Sirigu spara fuori. In pieno recupero ci prova Higuain di testa su cross di Kessiè ma Djidji sulla linea salva tutto.

I risultati della Bundesliga: pareggia il Mainz, vince il Moenchegladbach

La gara tra Mainz e Hannover è terminata con un pareggio per 1-1.
Al 12′ gli ospiti passano in vantaggio con Weydandt. Il Mainz fatica a concretizzare le azioni di gioco e trova il pareggio solo al 89′ con Brosinski.
Finale di fuoco oltrepassati i 100′, con un gol annullato dal Var proprio al Mainz e l’espulsione di Sorg per l’Hannover.

Nell’altra gara il Borussia Moenchengladbach si impone per 3-0 sullo Stoccarda e ritorna al secondo posto superando il Bayern.
I gol arrivano nel secondo tempo con Raffael, Neuhaus e autogol del nazionale francese Pavard.

Milan-Torino, formazioni ufficiali: esclusione per De Silvestri, dal 1º Cutrone!

Ufficializzati i 22 che scenderanno in campo nel posticipo della 15ª giornata tra Milan e Torino. Classico 4-4-2 per Gattuso che schiera davanti il rientrante Higuain in coppia con Cutrone, in casa Torino Aina vince il ballottaggio con De Silvestri e si prende una maglia da titolare.

FORMAZIONI UFFICIALI

MILAN (4-4-2): Donnarumma, Calabria, Abate, Zapata, Rodriguez, Suso, Kessié, Bakayoko, Calhanoglu, Cutrone, Higuain. All.: Gattuso.

TORINO (3-5-2): Sirigu; Izzo, Nkoulou, Djidji; Aina, Meité, Rincon, Baselli, Ansaldi; Iago Falque, Belotti. All.: Mazzarri.

Le partite di Premier League: i Wolves vincono all’ultimo minuto!

Diogo Jota of Wolverhampton Wanderers celebrates after scoring a goal to make it 1-2

 


Unica partita della domenica di Premier: Newcastle-Wolverhampton finita 1-2 per gli ospiti.
Gara molto accesa tra due storiche compagini del campionato inglese.
I Wolves passano subito in vantaggio al 17′ con il portoghese Diogo Jota su assist del connazionale Helder Costa.
I padroni di casa trovano dopo pochi minuti il pareggio con la rete dello spagnolo Ayoze Perez, su assist del numero 9 Rondon.
Nel secondo tempo la squadra di Benitez rimane in 10 dopo l’espulsione del terzino Yedlin.
Gara molto accesa nel finale con gli ospiti che trovano di nuovo il vantaggio definitivo con il gol di Doherty.

error: contenuto non copiabile!