Home Blog

Programma partite sabato 18 agosto 2018

Serie A

Ore 18.00

Chievo-Juventus

Ore 20.30

Lazio-Napoli

Liga

Ore 18.15

Celta Vigo-Espanyol

Ore 20.15

Villarreal-Real Sociedad

Ore 22.15

Barcellona-Alavès

Premier League

Ore 13.00

Cardiff-Newcastle

Ore 16.00

Tottenham-Fulham

West Ham-Bournemouth

Leicester-Wolverhamptom

Everton-Southampton

Ore 18.30

Chelsea-Arsenal

Ligue 1

Ore 17.00

Guingamp-PSG

Ore 20.00

Caen-Nizza

Amiens-Montpellier

Digione-Nantes

Monaco-Lille

Rennes-Angers

Le probabili formazioni di Lazio-Napoli. Presentazione partita e precedenti del match

Partenza col botto per Lazio e Napoli

Siamo nella settimana che tutti attendevamo da tre mesi ormai, quella della prima giornata di campionato. Si parte subito con un big match, quello che andrà in scena allo Stadio Olimpico di Roma sabato sera tra Lazio e Napoli. Partenza col botto per le due squadre, che puntano a migliorare quanto fatto nello scorso campionato. I biancocelesti ripartono dalla certezza Simone Inzaghi sulla panchina e vogliono assolutamente essere la mina vagante di questa Serie A. Il Napoli riparte pressoché con gli stessi giocatori della scorsa stagione ma con un top player in più seduto sulla panchina partenopea come Carlo Ancelotti. Sarà un’ottima occasione per vedere cosa propongono le due squadre, ma soprattutto per tirare le somme sul brutto precampionato del Napoli. Solamente delle amichevoli storte oppure dei campanelli d’allarme?

I precedenti: Lazio mai vittoriosa dal 2012

Lazio e Napoli ripartono per migliorarsi: la squadra di Inzaghi vuole riscattare l’amarezza della mancata qualificazione in Champions League, mentre il Napoli, orfano di Maurizio Sarri, vuole ritentare l’assalto allo scudetto, sfuggito nello scorso campionato per pochissimo. L’Olimpico è una terra di conquista per il Napoli che non perde in casa della Lazio ormai dal 7 aprile 2012 (3-1). Dopodiché cinque vittorie partenopee e due pareggi, datati 9 febbraio 2013 e 4 marzo 2015. Nella scorsa stagione il Napoli si impose 4-1 all’Olimpico dopo essere passato in svantaggio. Tra le reti realizzate, spicca soprattutto l’eurogol di Dries Mertens che dall’esterno dell’area di rigore ha piazzato un pallonetto imprendibile per Strakosha.

Le probabili formazioni di Lazio-Napoli

La Lazio dovrà fare a meno di giocatori importanti, come Lucas Leiva e Lulic. Assente anche Patric, che dovrebbe saltare anche la prossima sfida contro la Juventus. In difesa, spazio ad Acerbi, mentre a centrocampo subito nella mischia Durmisi e Badelj. Fronte Napoli: tutti presenti, a parte Meret che verrà sostituito dal non brillante nel pre-campionato, Karnezis. Presente anche Mario Rui che sostituisce l’infortunato Ghoulam. In attacco dovrebbe giocare Mertens, anche se resiste il ballottaggio con Milik. Subito in campo il neo acquisto Fabian Ruiz, accanto al capitano Marek Hamsik.

LAZIO (3-4-2-1): Strakosha; Wallace, Acerbi, Radu; Marusic, Badelj, Parolo, Durmisi; Milinkovic-Savic, Luis Alberto; Immobile. All.Inzaghi

NAPOLI (4-3-3): Karnezis; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Mario Rui; Allan, Hamsik, Fabian Ruiz; Callejon, Mertens, Insigne. All. Ancelotti

 

Premier League, Chelsea-Arsenal il match clou della seconda giornata. Probabili formazioni, curiosità e precedenti

Arsenal, un inizio molto complicato

Archiviata la prima giornata di campionato di Premier League, siamo ormai in dirittura d’arrivo verso il secondo turno, che presenterà comunque pochi spunti d’interesse. Partita di cartello è certamente quella che si giocherà allo ‘Stamford Bridge’ di Londra, tra Chelsea ed Arsenal. Si tratta di una gara molto interessante, in quanto sulle panchine delle due squadre siedono due allenatori che giungono da un inizio completamente diverso. Maurizio Sarri ha esordito bene battendo 3-0 l’Huddersfield in trasferta rispondendo alle feroci critiche subite dopo il match di Community Shield perso contro il Manchester City. Invece l’Arsenal di Unai Emery deve necessariamente invertire la rotta dopo il pesante KO incassato sempre contro i Citizens all’esordio. Ciò che preoccupa, però, è la prestazione offerta nella partita con la squadra di Guardiola. Subito Emery è stato attaccato dalla stampa locale, che ha definito la prima uscita una “totale spazzatura”.

I precedenti di Chelsea-Arsenal

Il derby di Londra tra Chelsea ed Arsenal non è mai una partita come le altre. Di fronte si contrappongono due squadre che hanno fatto la storia del campionato inglese e che sanno cosa significa la parola vittoria. In totale dal 1907 ad oggi, il match tra Chelsea ed Arsenal è andato in scena complessivamente ben 195 volte, di cui ben 165 in Premier League/First Division. I Gunners hanno vinto 62 volte, mentre i Blues si sono imposti in 51 casi. I pareggi sono 49. Il primo storico incontro ufficiale tra le due squadre risale al 9 novembre 1907 terminò 2-1 in favore del Chelsea. La vittoria più larga dei Gunners in casa dei Blues è datata 29 novembre 1930 ed in quel caso allo ‘Stamford Bridge’, l’Arsenal si impose 5-1. Al contrario, il 22 marzo 2014, il Chelsea ottenne la vittoria più larga travolgendo i cugini 6-0. L’ultimo scontro tra le due formazioni in Premier League risale al 17 settembre 2017 e terminò 0-0. L’ultima vittoria dell’Arsenal allo ‘Stamford Bridge’ è datata 29 ottobre 2011.

Le probabili formazioni di Chelsea-Arsenal

Queste sono le probabili formazioni di Chelsea-Arsenal, con i due allenatori che dovrebbero riconfermare gli stessi titolari del match di apertura. Sarri punta sulla solidità garantita dalla sua squadra contro l’Huddersfield, mentre Emery insiste in modo che il suo team possa finalmente giocare liberamente secondo gli schemi da lui dettati. Il Chelsea riparte dal 4-3-3, con Pedro, Morata e Willian davanti per un attacco molto rapido negli inserimenti. L’Arsenal affronterà i Blues con un 4-2-3-1 molto offensivo. I soliti Mkhitaryan, Ramsey, Ozil dietro all’unica punta Aumameyang.

CHELSEA (4-3-3): Kepa; Azpilicueta, David Luiz, Rudiger, Alonso; Kanté, Jorginho, Barkley; Willian, Pedro, Morata. All. Sarri

ARSENAL (4-2-3-1): Cech; Bellerin, Papastathopoulos, Mustafi, Maitland-Niles; Guendozi, Xhaka; Mkhitaryan, Ramsey, Ozil; Aubameyang. All. Emery

Frosinone, Pinamonti last minute: arriva in prestito dall’Inter

Colpo last minute

Uno dei tanti colpi last minute di questa Serie A è stato il passaggio di Pinamonti al Frosinone. Il contratto del giocatore è stato depositato proprio nelgi ultimi minuti ma alla fine la corsa contro il tempo è andata a buon fine. L’ex Inter arriva in gialloblù in prestitosecco senza opzioni di riscatto in favore dei ciociari. Grande opportunità per il classe ’99 che può finalmente trovare continuità in Serie A.

Calciomercato, Serie A: ecco tutti gli affari di questa sessione estiva

Atalanta

Arrivi: Reca (d, Wisla Plock), Tumminello (a, Crotone), Varnier (d, Cittadella), Zapata (a, Sampdoria), Pasalic (c, Chelsea).
Partenze: Caldara (d, Milan), Spinazzola (d, Juventus), Cristante (c, Roma), Bastoni (d, Parma), Petagna (a, Spal), Haas (c, Palermo).

Bologna

Arrivi: Skorupski (p, Roma), Calabresi (d, Brescia), Dijks (d, Ajax), Santander (a, FC Copenhagen), Falcinelli (a, Fiorentina), Svanberg (c, Malmo), Mattiello (d, Spal), Danilo (d, Udinese), Rigoni (c, Zenit San Pietroburgo).
Partenze: Verdi (a, Napoli), Mirante (p, Roma), Ferrari (d, Sampdoria), Oikonomou (d, Aek Atene), Torosidis (d, svincolato), Keita (d, Eupen), Romagnoli (d, Empoli), Masina (d, Watford), Falco (a, Lecce), Di Francesco (a, Sassuolo), Crisetig (c, Frosinone), Petkovic (a, Dinamo Zagabria), Krafth (d, Amiens), Falletti (a, Palermo).

Cagliari

Arrivi: Srna (d, Shakhtar Donetsk), Aresti (p, Olbia), Castro (c, Chievo), Cerri (a, Perugia), Bradaric (c, Rijeka).
Partenze: Castan (d, Vasco da Gama), Miangue (d, Standard Liegi), Ceter (a, Olbia), Giannetti (a, Livorno), Han (a, Perugia), Caligara (c, Olbia), Capuano (d, Frosinone).

Chievo

Arrivi: Djordjevic (a, Lazio), Rossettini (d, Genoa), Semper (p, Dinamo Zagabria), Obi (c, Torino), Barba (d, Sporting Gijon), Burruchaga (c, River Plate).
Partenze: Inglese (a, Parma), Bastien (c, Standard Liegi), Dainelli (d, svincolato), Gobbi (d, Parma), Castro (c, Cagliari), Garritano (c, Cosenza).

Empoli

Arrivi: Romagnoli (d, Bologna), Marcjanik (d, Arka Gdynia), Mraz (a, Zilina), Rasmussen (d, Rosenborg), La Gumina (a, Palermo), Fulignati (p, Cesena), Capezzi (c, Sampdoria), Silvestre (d, Sampdoria), Antonelli (d, Milan), Acquah (c, Torino), Uçan (c, Fenerbahce).
Partenze: Gabriel (p, Perugia), Luperto (d, Napoli), Ninkovic (a, Genoa), Donnarumma (a, Brescia).

Fiorentina

Arrivi: Hancko (d, Zilina), Graiciar (a, Slovan Liberec), Lafont (p, Tolosa), Ceccherini (d, Crotone), Norgaard (c, Brondby), Gerson (c, Roma), Gillekens (d, OH Leuven), Antzoulas (d, Asteras Tripoli), Mirallas (a, Everton), Pjaca (a, Schalke), Edimilson (c, West Ham).
Partenze: Badelj (c, Lazio), Bruno Gaspar (d, Sporting Lisbona), Falcinelli (a, Bologna), Gil Dias (a, Nottingham Forest), Sportiello (p, Frosinone), Hristov (d, Ternana), Saponara (c, Sampdoria).

Frosinone

Arrivi: Sportiello (p, Fiorentina), Crisetig (c, Bologna), Molinaro (d, Torino), Goldaniga (d, Sassuolo), Ghiglione (d, Genoa), Perica (a, Udinese), Hallfredsson (c, Udinese), Iacobucci (p, Virtus Entella), Salamon (d, Spal), Vloet (c, Chiasso), Zampano (d, Pescara), Campbell (a, Betis), Capuano (d, Cagliari), Cassata (c, Sassuolo), Pinamonti (a, Inter).
Partenze: Frara (c, svincolato), Vigorito (p, Lecce), Koné (c, Erzurumspor), Russo (d, svincolato), Terranova (d, Cremonese).

Genoa

Arrivi: Criscito (d, Zenit), Marchetti (p, Lazio), Callegari (c, PSG), Piatek (a, Cracovia Krakow), Sandro (c, Benevento), Mazzitelli (c, Sassuolo), Romulo (d, Verona), Kouame (a, Cittadella), Rolon (c, Malaga), Favilli (a, Ascoli), Lisandro Lopez (d, Inter).
Partenze: Perin (p, Juventus), Taarabt (c, Benfica), Rosi (d, svincolato), Bertolacci (c, Milan), Cofie (c, Sporting Gijon), Rigoni (c, svincolato), Veloso (c, svincolato), Rossi (a, svincolato), Izzo (d, Torino), Morosini (c, Brescia), Lamanna (p, Spezia), Salcedo (a, Inter), Ghiglione (d, Frosinone), Rossettini (d, Chievo), Laxalt (d, Milan), Galabinovc (a, Spezia).

Inter

Arrivi: Nainggolan (c, Roma), Politano (a, Sassuolo), Joao Mario (c, West Ham), Asamoah (d, Juventus), de Vrij (d, Lazio), Lautaro Martinez (a, Racing), Salcedo (a, Genoa), Vrsaljko (d, Atletico Madrid), Keita Baldé (a, Monaco).
Partenze: Cancelo (d, Juventus), Rafinha (c, Barcellona), Lisandro Lopez (d, Benfica), Santon (d, Roma), Zaniolo (c, Roma), Odgaard (a, Sassuolo), Eder (a, Jiangsu Suning), Emmers (c, Cremonese), Pinamonti (a, Frosinone).

Juventus

Arrivi: Spinazzola (d, Atalanta), Perin (p, Genoa), Emre Can (Liverpool), Cancelo (d, Inter), Cristiano Ronaldo (a, Real Madrid), Makoun (c, Zamora), Bonucci (d, Milan).
Partenze: Buffon (p, PSG), Lichtsteiner (d, Arsenal), Asamoah (d, Inter), Howedes (d, Lokomotiv Mosca), Higuain (a, Milan), Sturaro (c, Sporting), Marchisio (c, svincolato).

Lazio

Arrivi: Durmisi (d, Betis), Sprocati (a, Salernitana), Berisha (c, Salisburgo), Proto (p, Olympiacos), Acerbi (d, Sassuolo), Badelj (c, Fiorentina), Correa (a, Siviglia), Anderson (d, Bari).
Partenze: Djordjevic (a, Chievo), Marchetti (p, Genoa), de Vrij (d, Inter), Nani (a, Sporting Lisbona), Felipe Anderson (a, West Ham), Di Gennaro (c, Salernitana).

Milan

Arrivi: Reina (p, Napoli), Strinic (d, Sampdoria), Bertolacci (c, Genoa), Halilovic (c, Las Palmas), Caldara (d, Atalanta), Higuain (a, Juventus), Bakayoko (c, Chelsea), Laxalt (d, Genoa).
Partenze: Mastour (c, svincolato), Bonucci (d, Juventus), Gustavo Gomez (d, Palmeiras), Kalinic (a, Atletico Madrid), Antonelli (d, Empoli), André Silva (a, Siviglia), Locatelli (c, Sassuolo).

Napoli

Arrivi: Verdi (a, Bologna), Younes (a, Ajax), Fabian Ruiz (c, Betis Siviglia), Meret (p, Spal), Karnezis (p, Watford), Malcuit (d, Lille), Ospina (p, Arsenal).
Partenze: Reina (p, Milan), Rafael (p, Sampdoria), Maggio (d, Benevento), Milic (d, svincolato), Sepe (p, Parma), Jorginho (c, Chelsea), Machach (c, Carpi).

Parma

Arrivi: Gobbi (d, Chievo), Stulac (c, Venezia), Sepe (p, Napoli), Bruno Alves (d, Glasgow Rangers), Rigoni (c, Genoa), Bastoni (d, Atalanta), Dimarco (d, Sion), Biabiany (a, Sparta Praga), Grassi (c, Spal), Inglese (a, Chievo), Gervinho (a, Hebei Fortune).
Partenze: Lucarelli (d, ritiro), Insigne (a, Benevento), Scavone (c, Lcce).

Roma

Arrivi: Coric (c, Dinamo Zagabria), Marcano (d, Porto), Cristante (c, Atalanta), Kluivert (a, Ajax), Mirante (p, Bologna), Santon (d, Inter), Zaniolo (c, Inter), Pastore (c, PSG), W. Bianda (d, Lens), Fuzato (p, Palmeiras), Olsen (p, FC Copenhagen), N’Zonzi (c, Siviglia).
Partenze: Nainggolan (c, Inter), Skorupski (p, Bologna), Lobont (p, svincolato), Jonathan Silva (d, Sporting Lisbona), Bruno Peres (d, San Paolo), Alisson (p, Liverpool), Gerson (c, Fiorentina), Defrel (a, Sampdoria).

Sampdoria

Arrivi: Colley (d, Genk), A. Ferrari (d, Bologna), Peteers (c, Brugge), Jankto (c, Udinese), Tavares (d, San Paolo), Audero (p, Venezia), Rafael (p, Napoli), Defrel (a, Roma), Bahlouli (c, Lione), Ronaldo Vieira (c, Leeds), Ekdal (c, Amburgo), Saponara (c, Fiorentina).
Partenze: Viviano (p, Sporting Lisbona), G. Ferrari (d, Sassuolo), Strinic (d, Milan), R. Alvarez (c, svincolato), Zapata (a, Atalanta), Bonazzoli (a, Padova), Capezzi (c, Empoli), Silvestre (d, Empoli), Simic (d, Spal), Verre (c, Perugia)

Sassuolo

Arrivi: G. Ferrari (d, Sampdoria), Djuricic (c, Benevento), Odgaard (a, Inter), Di Francesco (a, Bologna), Boateng (c, Eintracht Francoforte), Bourabia (c, Konyaspor), Boga (c, Chelsea), Magnani (d, Perugia), Brignola (a, Benevento), Locatelli (c, Milan), Marlon (d, Barcellona).
Partenze: Pegolo (p, svincolato), Biondini (c, svincolato), Politano (a, Inter), Acerbi (d, Lazio), Goldaniga (d, Frosinone), Marchizza (d, Crotone), Ragusa (a, Verona), Missiroli (c, Spal), Letschert (d, Utrecht), Cassata (c, Frosinone).

Spal

Arrivi: Fares (d, Verona), Dickmann (d, Novara), Milinkovic-Savic (p, Torino), Valoti (c, Hellas Verona), Petagna (a, Atalanta), Djourou (d, svincolato), Moncini (a, svincolato), Simic (d, Sampdoria), Bonifazi (d, Torino), Valdifiori (c, Torino), Missiroli (c, Sassuolo).
Partenze: Meret (p, Udinese), Grassi (c, Parma), Mattiello (d, Bologna), Borriello (a, svincolato), Konate (d, Cincinnati), Salamon (d, Frosinone), Vaisanen (d, Crotone).

Torino

Arrivi: Izzo (d, Genoa), Meité (c, Monaco), Bremer (d, Atletico Mineiro), Rosati (p, Perugia), Damascan (a, Sheriff), Aina (d, Chelsea), Djidji (d, Nantes), Soriano (c, Villarreal), Zaza (a, Valencia).
Partenze: Burdisso (d, svincolato), Molinaro (d, Frosinone), Milinkovic-Savic (p, Spal), Barreca (d, Monaco), Obi (c, Chievo), Bonifazi (d, Spal), Valdifiori (c, Spal), Acquah (c, Empoli).

Udinese

Arrivi: Vizeu (a, Flamengo), Ter Avest (d, Twente), Musso (p, Racing), Pussetto (a, Huracan), Machis (a, Granada), Mandragora (c, Crotone), Nicolas (p, Verona), Ekong (d, Bursaspor).
Partenze: M. Lopez (a, Vasco da Gama), Zampano (d, Pescara), Bizzarri (p, Foggia), Jankto (c, Sampdoria), Widmer (d, Basilea), Perica (a, Frosinone), Hallfredsson (c, Frosinone), Danilo (d, Bologna).

 

 

Serie A, calciomercato estivo 2018 ufficialmente concluso! Porte chiuse all’Hotel Melià.

Campagna acquisti ufficialmente conclusa anche in Serie A. Da domani ritorna il campionato con grandi novità, CR7 su tutti.

Serie A, calciomercato estivo 2018 concluso

Anche in questa sessione estiva di calciomercato siamo giunti al termine. Porte chiuse al Melià il 18 di agosto, e non il 31 come negli ultimi anni. Un cambiamento che consentirà di cominciare ufficialmente la nuova stagione senza il timore e la preoccupazione di tutti gli allenatori di perdere i propri pezzi pregiati, o di allenare calciatori al centro di rumors di mercato e con la testa altrove. La finestra estiva del 2018 è ufficialmente conclusa, ora spazio al campo per capire quali sono stati i veri rinforzi dei club italiani, Cristiano Ronaldo escluso…

Chievo Verona-Juventus, riparte la Serie A: probabili formazioni, precedenti e dichiarazioni!

Domani alle ore 18 riparte il campionato di serie A con il match tra Chievo Verona e Juventus. Sarà l’occasione per veder esordire nel nostro campionato “il colpo del secolo”, Cristiano Ronaldo. I bianconeri anche quest’anno sono chiamati a confermarsi campioni d’Italia e al Chievo toccherà l’ardua impresa di bloccarli all’esordio

IL PUNTO SULLE DUE SQUADRE

Chievo Verona – molti dubbi per D’Anna che scioglierà molto probabilmente solo poco prima dell’inizio del match. Al momento l’unica cosa certa sembra il modulo che dovrebbe essere il 4-3-3. Il ruolo di prima punta dovrebbe essere coperto da Stepinski, mentre il nuovo innesto Djordjevic partirà dalla panchina assieme all’altro acquisto Obi. Partita dell’ex invece per Giaccherini che è una delle poche certezze di D’Anna. 

Juventus – Allegri dovrebbe schierare il 4-2-3-1 e in conferenza ha comunicato alcuni titolari. Davanti a Szcesny giocheranno Alex Sandro, Chiellini, Cancelo e probabilmente Bonucci. Più dubbi in avanti dove gli unici sicuri del posto sembrano Pjanic, Dybala e Ronaldo.

PRECEDENTI

Sono 15 i precedenti al Bentegodi tra le due squadre con la Juventus in netto vantaggio con 11 successi. Solo un successo per i clivensi nel 2010 e 3 pareggi. Lo scorso anno vittoria per 2-0 a favore dei bianconeri con marcatori Khedira e Higuain.

INTERVISTE ALLA VIGILIA

Massimiliano Allegri: “La prima partita è una novità. E’ molto incuriosito da come giochino le squadre. Quest’anno sarà più difficile, bisogna subito mettere da parte il periodo di eccitazione per l’arrivo di questi grandi giocatori. Dobbiamo tenere un profilo basso e andare a prenderci i tre punti. Anche io sono curioso di vedere la squadra. Ronaldo ha vinto cinque Palloni d’oro. Sono dieci giorni che si allena con noi, si vede subito che si tratta di giocatori diversi. Lui, per tutti gli altri delle squadra, è uno stimolo importante. Non dobbiamo pensare che con Ronaldo si vinca a prescindere. È un valore aggiunto che noi abbiamo. Si sta inserendo bene. E’ un ragazzo semplice, non complesso caratterialmente. Più giocano insieme e più migliorano. Non dimentichiamoci quando arrivarono Dybala, Mandzukic o Higuain”.

Stefano Sorrentino, su Ronaldo: “È il sogno di tutti affrontare i migliori al mondo. Debutterà nel campionato italiano contro di noi, per me sarà un’opportunità importante. Ho avuto la fortuna in Spagna di incontrare Messi, Robben e in Italia gente come Del Piero, Ibrahimovic, Kakà. Qualcuno di importante l’ho incontrato e un domani riguardando l’album delle fotografie ripenserò con soddisfazione di aver affrontato Cristiano Ronaldo”.

PROBABILI FORMAZIONI

Chievo (4-3-3): Sorrentino; Cacciatore, Tomovic, Bani, Jaroszynski; Depaoli, Radovanovic, Hetemaj; Birsa, Stepinski, Giaccherini. All. D’Anna.

Juventus (4-2-3-1): Szczesny; Cancelo, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Can, Pjanic; Cuadrado, Dybala, Douglas Costa; Ronaldo. All. Allegri.

Futuro Marchisio: Francia, Canada o Arabia Saudita?

Quale sarà il futuro di Claudio Marchisio? Per il centrocampista ci sono offerte da Canada, Francia e Emirati Arabi Uniti

Questa mattina, come un fulmine a ciel sereno, Claudio Marchisio ha rescisso in modo consensuale il suo contratto che lo legava alla Juventus. Una scelta, forse, dettata dal desiderio di cercare nuovi stimoli dopo anni di onorata carriera tra le fila bianconere.

Ma quale sarà, adesso, il futuro di Marchisio? Il centrocampista classe 1986 ha offerte molto interessanti da Francia, Canada e Arabia Saudita. Partiamo dai “cugini” francesi. In Ligue 1 lo vorrebbe il Monaco, che gli garantirebbe comunque di continuare a giocare in lidi prestigiosi. Inoltre non sarebbe nemmeno troppo distante dal Piemonte, regione che gli ha fatto da casa per tutti questi anni.

In Arabia Saudita farebbero carte false per il “Principino”

In Arabia Saudita ci sarebbero, neanche a dirlo, le offerte più vantaggiose soprattutto in termini economici. Uno come Marchisio innalzerebbe sicuramente il livello di prestigio del campionato potrebbe anche fungere da testimonial per eventuali sponsor.

Anche il Montreal Impact vuole Marchisio

Ma anche in Canada farebbero carte false per il centrocampista: infatti, stando ai media locali, il Montreal Impact vorrebbe portare oltreoceano Marchisio, offrendogli un contratto da capogiro.

Tutto però dipenderà dall’ormai ex Juventus, detentore del proprio cartellino.

@corsMatteo

Ufficiale: Saponara alla Sampdoria

Saponara alla Sampdoria: colpo last minute dei blucerchiati che si aggiudicano il trequartista

La Sampdoria conclude la sessione estiva del calciomercato con i botti: sfumato Zaza in mattinata – andato poi al Torino – i blucerchiati a 40 minuti dal gong finale si sono consolati con gli acquisti di Lorenzo Tonelli (prestito con obbligo di riscatto) e Riccardo Saponara (prestito con diritto di riscatto a 9 milioni).

Ecco il comunicato ufficiale diramato dalla Sampdoria:

https://platform.twitter.com/widgets.js

Ponte Morandi, rinviate le partite di Genoa e Samp. Abbiamo ufficialmente i morti di “Serie A” e di “Serie B”

Il crollo del Ponte Morandi ha causato 39 vittime, bilancio ancora provvisorio. Ma il business del calcio fa rinviare solo le partite delle genovesi…

Da cittadino genovese, da persona, da appassionato di calcio, mi sento in dovere di scrivere qualche riga sulla tragedia del Ponte Morandi. Non voglio andare a discutere su di chi sia la colpa, su chi debba pagare, sul perchè il ponte sia crollato. Voglio andare al discutere sul lutto nazionale, sulla decisione della Lega Serie A a mio parere scandalosa.

Rinviate le partite delle genovesi: con Astori fu rinviata una giornata intera

Premesso che, ovviamente, rinviare l’intera giornata di Serie A non farà sicuramente tornare in vita le 39 e passa vittime del crollo, penso che rinviare tutta la prima giornata di Serie A, Serie B e magari di tutti gli altri sport in programma sarebbe stato quantomeno doveroso.

In momenti così non c’è nulla da festeggiare, non c’è lo spirito giusto. Silenzio e rispetto, come chiedono da Genova. Rispetto per i morti, silenzio per chi andando in vacanza o a lavorare non è più tornato a casa. Almeno finchè non vengono ritrovate tutte le persone disperse. Sarebbe il minimo. E invece no. La Lega Serie A ha deciso di rinviare solo Milan-Genoa e Sampdoria-Fiorentina, soltanto dopo le numerose pressioni dei quattro club coinvolti, peraltro.

Una decisione inconcepibile che a me personalmente non fa altro che pensare che in questo paese ci siano i “morti  di Serie A” e i “morti di Serie B“. Quando morì Davide Astori venne rinviata un’intera giornata di Serie A, com’è giusto che fosse. Adesso che sono morte più di 39 persone, gente come noi, gente qualsiasi, vengono rinviate solo due partite. Non mi sembra giusto. Non mi sembra rispettoso.

Forse dietro a tutto questo c’è un business, forse ci sono troppi soldi in ballo. Non lo so. So solo che, da oggi, abbiamo la conferma che in questo paese si fanno figli e figliastri. Anche quando a rimetterci sono le persone “comuni”.

@corsMatteo

error: contenuto non copiabile!