Home Blog

Calciomercato, Sampdoria: dopo Majer rischia di sfumare anche Berisha, ma c’è un’altra ipotesi

SE SFUMA ANCHE BERISHA, SI PROVA GERSON

Brutto momento per la Sampdoria che, dopo Lovro Majer, rischia di vedere sfumare anche Valon Berisha. Il kosovaro era atteso oggi a Genova, ma qualche ripensamento l’ha frenato e nella giornata odierna, sicuramente, non sarà in Liguria. Per il trequartista del Salisburgo sono infatti spuntate anche offerte provenienti da Bundesliga e Premier League. Nel caso dovesse sfumare anche Berisha, la Sampdoria, per la trequarti, punterebbe Gerson, centrocampista brasiliano che non ha molto spazio alla Roma. Al momento, però, non è nota la cifra che il club capitolino vorrebbe per lasciar partire il sudamericano. La società blucerchiata farà ancora dei tentativi per Berisha, ma se dovesse sfumare si tratterrebbe per Gerson.

Atletico Madrid, Griezmann spiega il motivo della permanenza

“Voglio continuare a vincere qui”

Antoine Griezmann ha deciso di rimanere all’Atletico Madrid. Sono ormai mesi che stiamo monitorando la situazione che possiede dei forti legami anche con il Barcellona. La società blaugrana era fortemente interessata all’acquisto del francese classe 1991, disposta anche a pagare i 100 milioni di clausola per Griezmann. Ma il francese ha giurato amore ai colori dell’Atletico, decidendo di rinnovare il contratto con la sua famiglia colchoneros. Da quando è arrivato a Madrid, Griezmann ha totalizzato 209 presenze, servendo 42 assist e segnando 112 reti. Il suo rinnovo fino al 2023 è dettato dal fatto per cui Antoine vuole continuare a vincere e ad essere leader di questa società.

Ecco le parole dell’attaccante dell’Atletico Madrid: “Sono molto felice di continuare la mia avventura qui, sono convinto che insieme raggiungeremo grandi traguardi. Quest’anno ho avuto il piacere di vincere il mio primo titolo europeo con il club, ed ora voglio continuare a giocare per questa maglia puntando sempre più in alto. Dal mio arrivo ad oggi il club è cresciuto molto, abbiamo uno stadio incredibile, che ci ha permesso di crescere. Abbiamo un buon progetto per il futuro. Ci sono tanti grandi giocatori ed apprezzo lo sforzo del club sul mercato. L’Atletico è una famiglia e questo si vede sul campo, quando lottiamo tutti per uno stesso obiettivo. Qui mi sento amato. E per me è la cosa più importante.”

 

https://platform.twitter.com/widgets.js

Borussia Dortmund, preso Abdou Diallo. I gialloneri lavorano sul futuro

Difensore francese classe 1996

Il Borussia Dortmund ha praticamente definito l’accordo con il Mainz per l’acquisto del giovane difensore francese classe 1996 Abdou Diallo. Trattativa in fase di conclusione, con il giocatore sbarcato a Dortmund nelle scorse ore per mettere nero su bianco la firma sul contratto che lo legherà al club giallonero. Approvata la linea di Lucien Favre, ovvero quella di ricostruire una squadra partendo dai giovani. Da limare solamente gli ultimi dettagli, poi Diallo sarà a tutti gli effetti un nuovo giocatore del Borussia Dortmund.

Calciomercato Estero, Levante: idea Borja Mayoral! Ecco la valutazione del Real Madrid

LE CIFRE DELLA TRATTATIVA

La notizia rimbalza dalla Spagna, il Levante vuole Borja Mayoral. L’attaccante spagnolo non ha trovato grande spazio nella capitale madrilena quest’anno e persiste l’idea di cambiare aria, per raccogliere minuti e presenze. Dal 2007 il suo cartellino è di proprietà del Real Madrid e, tolto un prestito annuale al Wolfsburg, ha sempre indossato la “Camiseta Blanca”. Il Levante vuole, così, proporre un contratto a Mayoral affidandogli le chiavi dell’attacco e concedendogli la maglia da titolare. La valutazione fatta dal Real Madrid per l’attaccante si aggira sui 10 milioni di euro. Sarebbe un’ottima opportunità per mettersi in gioco e per avere il posto da titolare fisso per una stagione intera.

Foggia, riscattato a titolo definitivo Oliver Kragl: è ufficiale

L’esterno tedesco era in prestito dal Crotone

Il Foggia batte un colpo: riscattato a titolo definitivo l’esterno sinistro del Crotone Oliver Kragl. Il tedesco classe 1990 ha già trascorso il primo semestre 2018 in Puglia, dove vi rimarrà anche nella prossima stagione, dopo aver indossato la casacca rossonera 19 volte siglando anche 6 reti. Kragl, vanta tra l’altro anche una trentina di apparizioni in Serie A con il Frosinone e solamente 5 nella scorsa stagione con il Crotone, fino a gennaio. A comunicare il riscatto di Kragl, lo stesso club foggiano, tramite tweet sul proprio profilo ufficiale.

https://platform.twitter.com/widgets.js

Frosinone-Palermo, Zamparini è una furia: “Arbitro La Penna un incapace”

“Giocatori aggrediti ed intimiditi”

Il presidente del Palermo, Zamparini è una furia. Ancora il patron rosanero non ha digerito la mancata promozione in Serie A, andata a vantaggio del Frosinone. Zamparini sostiene ormai da diversi giorni che si è trattato di una partita palesemente irregolare condizionata anche dall’arbitro dell’incontro, La Penna, reo di essere stato un po’ troppo permissivo a favore dei ciociari. Ma non è solamente l’episodio dei palloni gettati in campo dalla panchina del Frosinone per perdere tempo, ad aver fatto infuriare Zamparini. Ecco le parole del presidente del Palermo: “Una partita organizzata per intimidirci. I nostri giocatori sono stati aggrediti prima, durante e dopo la partita. Uno spettacolo indecoroso, una partita arbitrata da un incapace amico della famiglia degli Stirpe. Ma i miei avvocati stanno lavorando. Un danno da 50 milioni di euro che qualcuno dovrà pagare. Assurdo, lo stesso arbitro che ci ha annullato un gol regolare in un altro Frosinone-Palermo. Non possiamo dare questa immagine. Quanto visto è qualcosa di aberrante e profondamente illegale. Spero che la giustizia sportiva ci metta le mani su questa vicenda”.

Calciomercato Roma, intrigo Pastore-Nainggolan: chi ci guadagna?

Paris Saint-Germain's Argentinian midfielder Javier Pastore reacts during the French L1 football match between Paris Saint-Germain and Rennes at the Parc des Princes stadium in Paris on April 30, 2016. / AFP / FRANCK FIFE (Photo credit should read FRANCK FIFE/AFP/Getty Images)

Finora il calciomercato della Roma è stato a dir poco scoppiettante: la società capitolina ha già perfezionato gli acquisti di Kluivert, Marcano, Cristante e Coric. Adesso, a tenere banco, è la questione che riguarda, dal lato delle entrate, Javier Pastore, e dal lato delle uscite, Radja Nainggolan.

Nainggolan, una cessione dolorosa

Questo intreccio di mercato muove da una cessione dolorosa per la Roma: quella di Radja Nainggolan, ormai promesso all’Inter di Spalletti. Il belga si è confermato, negli anni in giallorosso, come uno dei leader del centrocampo, e, più in generale, come uno dei centrocampisti più forti in Europa.

Il giocatore dovrebbe traferirsi in nerazzurro sulla base di un offerta di 20 milioni, più il cartellino di Nicolò Zaniolo, promettente trequartista della squadra primavera dell’Inter, vincente nell’ultimo campionato; un’offerta neanche troppo esosa, considerando i prezzi del calcio odierno, comminati al valore del calciatore.

Nulla ancora di certo, ma la sensazioni è che le parti siano molto vicine, e vogliano chiudere l’operazione entro il 30 giugno.

Interrogativo Pastore

Sul fronte delle entrate, la Roma ha virato prepotentemente su una vecchia conoscenza della Serie A, Javier Pastore; l’argentino, “emigrato” al Paris Saint Germain nel 2011, all’epoca prelevato dal Palermo, è un calciatore di tutto rispetto.

Ciò che fa nutrire grandi interrogativi sul suo conto però, riguarda il suo impiego negli ultimi tre anni: Pastore è stato spesso relegato in panchina ed è tuttora coinvolto in una parabola discendente che lo ha portato ad una fase di calo. Gli anni a Palermo, appaiono lontani anni luce, con il calciatore che ha perso gradualmente anche la titolarità nella Nazionale argentina.

Inoltre, la Roma dovrebbe offrirgli un contratto da 4 milioni all’anno per quattro anni: forse un pò troppo per un calciatore che si avvia verso i 30 anni; pertanto, Pastore rimane sì un calciatore di grande affidabilità, ma ha davvero le carte in regola per sostituire degnamente Nainggolan?

Palermo: la mancata promozione e un mercato in salita

La mancata promozione del Palermo in Serie A ha lasciato degli strascichi molto duri da superare: oltre che con una piazza che si aspettava una veloce risalita in Serie A, la società rosanero ora dovrà fare i conti con tutti i “big” della squadra che hanno voglia di una categoria superiore.

Una finale piena di polemiche

Dopo la gara di andata della finale play-off, giocata al Barbera e vinta per 2-1, il Palermo aveva riacquistato fiducia in vista dell’atto finale, al Matusa di Frosinone; nella gara di ritorno, dopo un ottimo inizio, gli uomini di Stellone hanno perso metri e hanno subìto, soprattutto a livello psicologico, la fantastica rete di Maiello.

Al 96′ la rete del k.o. definitivo siglata da Ciano, che permette al Frosinone di ritornare in Serie A a distanza di 3 anni dall’ultima volta; nel mezzo, tantissime polemiche, alimentate nell’immediato post partita e anche nei giorni a seguire, soprattutto dal patron dei rosanero Maurizio Zamparini.

Le polemiche riguardano in particolare tre episodi avvenuti durante il match: in primis, il tanto discusso rigore, prima concesso al Palermo e poi tramutato in una punizione dal limite dell’area; in secondo luogo, i palloni tirati in campo dai giocatori del Frosinone per rallentare in gioco; e ancora, l’invasione di campo in seguito al gol di Ciano, che ha chiuso anticipatamente la partita.

In attesa dell’esito del ricorso, il Palermo è una società che, al momento, mastica amaro, in quanto si sente parte lesa della vicenda, e accusa il corpo arbitrale, reo di non aver agito in buona fede.

Un mercato che si complica

Si potrebbe dire tranquillamente “oltre al danno la beffa”; già, perché oltre alla mancata promozione in Serie A, il Palermo dovrà fare i conti con un mercato che appare già in salita. I rosanero attualmente dispongono di una rosa composta da giocatori che possono dire la loro in palcoscenici più importanti del campionato cadetto.

A partire dal bomber macedone Ilija Nestorovski, che è già sul taccuino di alcuni club; ma anche Trajkovski, Gnahorè e i gioiellini La Gumina e Coronado: vedremo se Zamparini riuscirà a forzare il braccio di ferro, o anche questa volta dovrà rinunciare anticipatamente ai suoi pezzi più pregiati.

Mondiali 2018, le formazioni ufficiali di Colombia-Giappone. Gioca Cuadrado, James e Honda in panca

Sono state rese note le formazioni ufficiali di Colombia-Giappone, penultimo dei match d’esordio di questo Mondiale 2018, valido per il gruppo H. Tante le sorprese in campo, a partire dalla panchina di James Rodriguez. Il capocannoniere di Brasile 2014, sarà però in buona compagnia, in quanto al suo fianco siederà Luis Muriel. Al loro posto dentro Lerma e Izquieredo. Gioca invece Cuadrado. Nel Giappone invece panchina per Honda, mentre scende in campo Nagatomo. Andiamo a vedere le formazioni ufficiali.

Le formazioni

COLOMBIA (4-2-3-1): Ospina; Arias, D. Sanchez, Murillo, Mojica; C. Sanchez, Lerma; Cuadrado, Quintero, Izquierdo; Falcao.

GIAPPONE (4-2-3-1): Kawashima; Sakai, Shoji, Yoshida, Nagatomo; Hasebe, Shibasaki; Haraguchi, Kagawa, Inui; Osako.

Le scommesse di giornata del 19/06/2018 by C&MT8

Eccoci tornati con le scommesse di giornata del 19/06/2018, la rubrica che quotidianamente vi accompagna consigliando le giocate migliori. Oggi in campo solo i tre match Mondiali. Andiamo dunque a vedere i nostri pronostici.

Pronostici

Colombia-Giappone: 1+Under 3.5

Polonia-Senegal: 1+Over 1.5

Russia-Egitto: 1X+Gol

error: contenuto non copiabile!