Nelle partite delle 15 vittorie per Torino, Fiorentina e Genoa

Nelle gare disputate alle 15 vittorie esterne per Torino e Genoa, Fiorentina vittoriosa in casa al termine di una partita destinata ad accendere parecchie polemiche.

Chievo-Torino 0-1

Il Chievo perde ancora e rimane ultimo in classifica a -1 al cospetto di un Torino che coglie i tre punti al termine di una partita non particolarmente esaltante. Primo tempo soporifero, con squadre sotto ritmo e nessun intervento degno di nota da parte dei due portieri. Il Chievo tiene il possesso palla ma non concretizza la maggior mole di palloni giocati L’unica vera emozione al 16’ per una conclusione di Rigoni da fuori area che sorvola di poco la traversa.

La ripresa si apre con il Chievo che va vicino al gol del vantaggio. Leris manda alto il pallone che gli serve Giaccherini smarcandolo a centro dell’area. Con lo scorrere dei minuti però i granata avanzano il baricentro, contestualmente all’ingresso in campo di Zaza. Il neo entrato sfiora due volte il vantaggio e poi realizza il gol che regala la vittoria al Torino. All’88’ Berenguer va in contropiede e serve l’assist che permette a Zaza di concludere a rete completamente solo. Nei minuti restanti gli ospiti sfiorano due volte il raddoppio, senza che il Chievo riesca ad imbastire nessuna azione per rimontare lo svantaggio.

 

Fiorentina-Atalanta 2-0

La Fiorentina coglie il quarto successo su quattro in casa, pesa però il rigore inesistente concesso ai viola. La partita più importante fra quelle del pomeriggio scorre via nel primo tempo come fosse un’amichevole, poche le azioni degne di nota, nessuna veramente da classificarsi come occasione da gol.

Il secondo tempo invece si apre con l’Atalanta che prova ad accelerare, ma sono i padroni di casa a sfiorare il vantaggio con Simeone. Al 60’ Chiesa cade in area dopo un contrasto con Toloi, per Valeri si tratta di calcio di rigore. Veretout trasforma dal dischetto, ma le immagini evidenziano come Chiesa si tuffi nettamente senza subire contatto da parte del difensore atalantino. Il VAR, non trattandosi di evidente errore non interviene. L’Atalanta si getta in avanti alla ricerca del pareggio, lo sfiora due volte senza riuscire a battere Lafont. Quasi al termine del recupero i viola raddoppiano. Biraghi batte benissimo una punizione dal limite sulla quale Gollini interviene quando la sfera ha già varcato la linea di porta.

 

Frosinone-Genoa 1-2

Vittoria in trasferta per il Genoa contro un Frosinone che spreca troppo davanti alla porta avversaria. Per Piatek otto gol segnati in questo inizio di campionato. Inizio gara a ritmi molto blandi, con miglior circolazione palla da parte della squadra ligure, che inizia a far sentire la sua superiorità al 24’ con un contropiede ben orchestrato da Kouame che libera al tiro Romulo, ma il pallone termina alto. E’ solo il preludio al gol del Genoa. Piatek (la vera sorpresa di questo inizio campionato) con un destro dal limite dell’area sigla il vantaggio. Passano tre minuti e il polacco concede il bis: Kouame ruba palla a Salomon che serve a centro area Piatek che insacca comodamente. Al 40’ il Frosinone riesce finalmente a segnare il primo gol in campionato. Rigore concesso per un fallo, non particolarmente evidente di Spolli su Perica. Ciano realizza dal dischetto e riapre la partita.

L’inizio del secondo tempo vede il Frosinone divorarsi il gol del pareggio. Campbell praticamente appoggia al portiere avversario un tiro comodo da centro area. Al 72’ Kouame (ottima la sua prestazione) penetra in area e tira a colpo sicuro, la palla sbatte su entrambi i pali e torna in campo. Il Frosinone prova un forcing nel finale della partita e sfiora più volte il pareggio con Chisbah e due volte con Salomon.