Iran, quinta partecipazione ai Mondiali di calcio

L’Iran è un’altra Nazionale qualificata ai Mondiali di calcio in Russia 2018, per la quinta volta nella storia della selezione asiatica. La squadra di Carlos Queiroz ha centrato la partecipazione al Mondiale dopo aver dominato il Girone D di qualificazione alla rassegna iridata per quanto riguarda il continente asiatico. Secondo classificato l’Oman, davanti a Turkmenistan e Guam. L’Iran ha chiuso il proprio raggruppamento vincendo otto volte, ottenendo anche 2 pareggi. Più che altro, la Nazionale asiatica ha stupito per il buon gioco espresso. Chiaro che davanti a sé non avesse selezioni straordinarie, ma è comunque qualcosa chiudere il proprio girone in testa qualificandosi con merito al Mondiale. Per la quinta volta l’Iran vi partecipa. Nelle precedenti occasioni, la selezione era sempre stata eliminata al primo turno, nel 1978, nel 1998, nel 2006 e nel 2014. 

Girone B, per qualificarsi occorre un’impresa storica

La Nazionale Iraniana è stata inserita all’interno del Girone B di qualificazione, assieme a Portogallo, Spagna e Marocco. Sono tre squadre veramente molto toste. Ovviamente la favorita è la Spagna, in quanto può contare su giocatori di livello internazionale e di caratura mondiale, appunto. Poi ci sono Portogallo e Marocco, due selezioni che non sono per niente da sottovalutare. L’Iran è candidata a squadra “materasso” in quanto sembrerebbe la vittima sacrificale del Girone B. Però non si sa mai nel calcio, le sorprese sono sempre ben accette e gradite. Insomma, nella sua storia, la Nazionale Iraniana ha trionfato tre volte vincendo la Coppa d’Asia nel 1968, nel 1972 e nel 1976. Non un magro bottino per la storia della selezione asiatica. Inoltre, l’Iran è stato quattro volte campione dell’Asia Occidentale nel 2000, nel 2004, nel 2007 e 2008. Oltre a questi successi, la Nazionale conta anche quattro terzi posti sempre nella Coppa d’Asia. Il Palmares non è così povero come si può pensare. L’Iran ci crede, vuole stupire ma soprattutto divertire.