Milan-Sampdoria 3-2: analisi del match. Reazione d’orgoglio dei rossoneri!

MILAN-SAMPDORIA 3-2

Dopo un periodo difficile torna a vincere il Milan, che sale così momentaneamente al quinto posto in classifica. Passano in vantaggio i rossoneri, poi rimonta la Sampdoria e la ribalta nuovamente il Milan per uno spettacolare 3-2 finale.

PRIMO TEMPO

L’avvio di partita è molto intenso, con i rossoneri che partono meglio. Sugli sviluppi di un corner il pallone capita sui piedi di Higuain, che la manda sull’esterno della rete. Il Milan cerca di tenere alti i ritmi e sfruttare l’ampiezza. Dopo una grande azione sulla destra al 17′ arriva il vantaggio con Cutrone su assist di Suso. La reazione della Sampdoria però è poderosa: al 21′ Saponara mette giù il pallone, rientra, salta Calabria e fa 1-1 con un tiro nell’angolino. Al 31′ poi sempre l’ex di turno manda in porta Quagliarella con un grande lancio ed il capitano blucerchiato firma il sorpasso. La risposta del Milan è tutta affidata a Higuain. L’argentino prima impegna Audero con un tiro piazzato, poi al 36′ dopo un bello scambio con Cutrone sigla il pareggio.

SECONDO TEMPO

Nella ripresa i padroni di casa iniziano subito all’attacco per ottenere l’intera posta in palio. Audero deve salvare sulla linea una girata al volo di Higuain su cross di Laxalt, poi è bravo anche sul tiro potente di Suso. Al 64′ tuttavia i rossoneri tornano in vantaggio: Suso rientra sul suo sinistro e scaglia una conclusione velenosa sul secondo palo. La Sampdoria tenta la reazione immediata come nel primo tempo ma il tiro di Praet termina di poco alto. Nel finale il Milan controlla bene il minimo scarto e sfiora anche il poker con il palo di Laxalt da due passi. Non c’è più tempo però per la Sampdoria per andare a caccia del 3-3.