Milan, dopo il ko di Napoli la reazione è convincente e Higuain è già in gran forma

Mg Milano 31/08/2018 - campionato di calcio serie A / Milan-Roma / foto Matteo Gribaudi/Image Sport nella foto: esultanza gol Patrick Cutrone

Milan reazione Higuain / La vittoria di ieri sera del Milan contro la Roma è una di quelle vittorie che fanno bene al morale. Dopo un gran primo tempo, i rossoneri si sono fatti recuperare dal gol di Fazio, ma, lottando fino alla fine, hanno trovato meritatamente i tre punti. A segno, come spesso accaduto lo scorso anno, Patrick Cutrone, sempre più decisivo in rossonero.

Grinta e qualità le nuovi armi di Gattuso

Oltre alla famelica grinta trasmessa da Gattuso, il Milan ha messo in mostra anche un gioco convincente, fatto di inserimenti, tagli in profondità e scrupolosa attenzione. Dopo una stagione deludente, ha fatto un’ottima gara Lucas Biglia che, insieme a Kessiè, ha sovrastato l’impreciso centrocampo della Roma.

In attacco, Higuain è parso proprio ciò che mancava lo scorso anno ai rossoneri. Attacchi alla profondità, movimenti incontro al pallone e un gioco da grande regista offensivo. Il Pipita ha giocato una grande partita e, nel finale, ha servito una palla d’oro per il gol decisivo di Cutrone.

Se nella sconfitta di Napoli aveva preoccupato un po’ il crollo psicologico dopo l’1-2 di Zielinski, nella partita di ieri questo contraccolpo non c’è stato, frutto sicuramente di un lavoro sulla mente dei giocatori da parte di Gattuso. Subito l’1-1 di Fazio, il Milan non si è abbattuto e ha continuato a costruire gioco, trovando tra l’altro l’immediato 2-1 con Higuain pochi minuti dopo. Soltanto il VAR – a causa di un fuorigioco millimetrico – ha tolto la gioia della prima rete dell’ex attaccante di Juventus e Napoli.

Se, da un lato, Di Francesco deve iniziare a preoccuparsi per le prestazioni dei suoi (in evidentissimo ritardo di condizione), Gattuso può essere estremamente soddisfatto della forma raggiunta al momento dai suoi. Corsa, lucidità e movimenti già ben rodati. Questo Milan rischia di essere un’interessante mina vagante del campionato e, anche se difficilmente riuscirà a lottare per lo scudetto, l’Europa – che sia Europa League o Champions League – sembra un obiettivo non impossibile.