Milan, Cutrone top: serve ancora Ibrahimovic?

Milan, Cutrone è l’uomo in più

Ieri in Milan-Parma, Cutrone non ha solo segnato ma ha sforgiato una prova di forza, fisica e mentale. Probabilmente l’espressione migliore che Patrick Cutrone conosce della sua identità di attaccante rossonero. Sta dimostrando di essere in grado di segnare anche senza Higuain e di sapersi caricare sulle spalle il Milan e trascinarlo alla vittoria. Cutrone è a quota 7 gol stagionali, appena eguagliato Higuain. Il bomber rossonero ne ha fatti 18 sotto la gestione Gattuso, il migliore per rendimento dei marcatori. Sicuramente con le prestazioni che sta dimostrando manda un segnale forte a chi arriverà a gennaio nel ruolo di punta.

Serve ancora Ibrahimovic?

Il nome che più si accosta per il mercato di riparazione rossonero è quello di Zlatan Ibrahimovic. Il suo ritorno affascina non solo i tifosi del milan, ma anche gli stessi dirigenti, per questo si fa sempre più insistente la voce che parla di un possibile ritorno a tinte rossonere dell’attaccante svedese. Il suo acquisto porterebbe esperienza, leadership all’interno dello spogliatoio ed un bagaglio tecnico non indifferente. Ibrahimovic non ha bisogno di presentazioni, tutti conosciamo il suo passato, per questo non si può mettere in discussione la qualità del possibile rinforzo, ma quello che bisogna chiedersi è se davvero serva questo al Milan. Infatti il suo possibile arrivo metterebbe in disparte l’attaccante azzurro che ben sta figurando, e potrebbe limitare il percorso di crescita che Patrick Cutrone sta compiendo diventando sempre più il leader di questo Milan.