Mercato Inter: In corsa per Pogba

Serve una cessione Top per arrivare ad un centrocampista Top. E con Marotta spunta la pazza idea Pogba.

Mg Torino 07/11/2018 - Champions League / Juventus-Manchester United / foto Matteo Gribaudi/Image Sport nella foto: Paul Pogba

Dopo il suo addio alla Juventus, Beppe Marotta non vede l’ora di entrare formalmente in carica come nuovo a.d. dell’Inter con deleghe sulla parte sportiva e iniziare a impostare la costruzione della squadra che, secondo le volontà di Suning, dalla prossima stagione dovrà competere ai massimi livelli per la vittoria dello scudetto.

Un polpo per amico:

Secondo quanto riferisce TuttosportPaul Pogba ha fatto sapere a chi gli sta vicino di essere fortemente tentato dall’idea di tornare in Italia e alla Juve, ma Marotta, forte di un rapporto più che il cordiale col ragazzo e col suo agente Mino Raiola, sta informalmente provando a capire se esistano i margini per un clamoroso sorpasso.

Il primo obiettivo dell’Inter per rinforzare il centrocampo nella prossima stagione rimane Milinkovic-Savic della Lazio, ma l’idea di soffiare agli eterni rivali  un giocatore del calibro di Pogba sta iniziando a solleticare la fantasia dei tifosi, della società e sopratutto di Marotta.

Chi fa spazio a Pogboom?

Oltre al campione del mondo classe 93, sul taccuino nerazzurro ci sono anche: il pallino della società Modric e un top-player come Milinkovic-Savic.  Necessaria, tuttavia, sarà una grande cessione con cui sistemare la questione plusvalenze e sistemare i conti.

Skriniar, Brozovic e Icardi sono molto ricercati sul mercato ed il loro valore continua a crescere, ma sono troppo importanti per il gioco dell’Inter. Perdere il miglior difensore centrale della squadra e fra i migliori al mondo sarebbe un durissimo colpo per i nerazzurri, ma lo sarebbe anche perdere il regista a centrocampo ed il capitano.

Un’altra plusvalenza importante, infine, potrebbe portarla Ivan Perisic: non sta facendo bene in nerazzurro quest’anno, ma il Manchester United e altre società restano in allerta. Servono 30 milioni.