Le sanzioni del giudice sportivo della 14ª giornata di Serie A

Le sanzioni del giudice sportivo della 14ª giornata di Serie A

Le sanzioni del giudice sportivo della 14ª giornata di Serie A sono state pubblicate sul sito della Lega Calcio. Dal comunicato si evincono irregolarità da parte di alcune tifoserie che hanno causato una sanzione alla loro squadra di tifo. Oltre alle sanzioni alle società, sono stati resi noti i giocatori squalificati e le decisioni sui vari comportamenti degli allenatori puniti durante le gare di Serie A.

Le società

Sono state punite le società Napoli ed Atalanta a causa degli irregolari comportamenti durante la partita di Bergamo Atalanta-Napoli. In particolare per il lancio di alcuni fumogeni e per aver ritardato l’inizio della gara:

  • Ammenda di €15.000,00: alla soc. NAPOLI per avere suoi sostenitori, nel corso della gara, lanciato di diversi bengala e fumogeni nel settore occupato dalla tifoseria avversaria; recidiva.
  • Ammenda di €3.000,00: alla soc. NAPOLI a titolo di responsabilità oggettiva, per avere ingiustificatamente ritardato l’inizio del secondo tempo di circa tre minuti.
  • Ammenda di €2.000,00: alla soc. ATALANTA per avere suoi sostenitori, al 10° del secondo tempo, lanciato sul terreno di giuoco tre oggetti pirotecnici che si spegnevano in aria.

I giocatori squalificati

  • Barella Nicolo (Cagliari): doppia ammonizione per comportamento scorretto nei confronti di un avversario.
  • Cionek Thiago (Spal): per avere commesso un intervento falloso su un avversario in possesso di una chiara occasione da rete.
  • Romulo (Genoa): doppia ammonizione per comportamento scorretto nei confronti di un avversario.
  • Bessa Daniel (Genoa): per comportamento scorretto nei confronti di un avversario; già diffidato (Quinta sanzione).
  • Calabresi Arturo (Bologna): per comportamento scorretto nei confronti di un avversario; già diffidato (Quinta sanzione).
  • Vitori Hugo (Fiorentina): per comportamento scorretto nei confronti di un avversario; già diffidato (Quinta sanzione).
  • Rossettini Luca (Chievo): per comportamento scorretto nei confronti di un avversario; già diffidato (Quinta sanzione).

Allenatori: ammonizioni con diffida

Spalletti Luciano (Inter): per essere, al 48° del secondo tempo, uscito dall’area tecnica contestando platealmente una decisione arbitrale; recidivo.