La Liga: vola il Barcellona, show del Valencia, riecco il Real…

epa06308886 Barcelona FC's Paco Alcacer (R) celebrates with his teammate Lionel Messi (L) after scoring a goal against Sevilla during their Spanish Primera Division soccer match at Camp Nou stadium in Barcelona, Spain, 04 November 2017. EPA/Andreu Dalmau

Continuità blaugrana

Decima vittoria in campionato in undici partite disputate. Trentuno punti conquistati su trentatrè disponibili. Sono questi i numeri strepitosi dell’avvio di stagione del Barcellona in Liga spagnola, una squadra che sta completamente dominando il campionato.

Gli uomini di Valverde superano anche il Siviglia: 2-1 con doppietta di Paco Alcacer e primato assoluto a +4 sul Valencia, +8 sull’Atletico e addirittura +11 sul Real Madrid.

Nella giornata di festa per Leo Messi che celebra le 600 presenze in maglia blaugrana contro la sua “vittima” preferita, il protagonista è inaspettato. Alcacer, attaccante spagnolo utilizzato pochissimo, premia la scelta coraggiosa del suo allenatore di schierarlo titolare, due gol e tre punti al Barcellona. Il primo gol nasce da un’idea di Busquets e dall’errore di Escudero nel primo tempo, il raddoppio è su assist di Rakitic con inserimento perfetto dello stesso attaccante.

In mezzo alle due reti il momentaneo pareggio del Siviglia di Pizarro con un bel colpo di testa su calcio d’angolo.

Da sottolineare l’opaca prestazione di Luis Suarez, in calo nelle ultime prestazioni e la traversa colpita da Piquè.

Valencia e Real a forza 3

Il Barcellona va fortissimo ma il Valencia non è da meno. Secco 3-0 al Leganes e secondo posto in solitario con 27 punti.

Il cammino di Zaza e compagni è invidiabile: 8 vittorie, 3 pareggi e 0 sconfitte, le carte per battagliare con i catalani e le madrilene ci sono tutte. L’attaccante italiano, fresco di convocazione con la nazionale, non va in rete ma lotta e si spende per la sua squadra.

Al “Mestalla” padroni di casa in vantaggio con Parejo su calcio di punizione, raddoppiano con Rodrigo che insacca con un gran colpo di testa e chiude i conti Mina su calcio di rigore.

Tre reti anche per il Real Madrid che chiudono la pratica Las Palmas grazie alle reti di Casemiro, Asensio e Isco.

Gli uomini di Zidane riscattano così la deludente sconfitta con il Girona e cercano quella continuità che manca anche ai suoi due attaccanti, Ronaldo e Benzema. Il fuoriclasse portoghese ha segnato un solo gol nelle sei partite di campionato giocate finora, ha tanta voglia di rompere il digiuno ma è bloccato da imprecisione e frenesia. Il bomber francese, invece, si divora un gol a tu per tu con il portiere ospite ed è fischiato dai tifosi al momento della sostituzione.

Per sbloccare il match è necessario un guizzo di Casemiro su calcio d’angolo, grande incornata sul secondo palo. I Blancos, però, sono pieni di giocatori talentuosi: è infatti Asensio a prendersi la scena con un siluro di controbalzo dai trenta metri. Ovazione per lui e applausi a scena aperta. Isco chiude i conti con un piazzato da centro area su assist di Ronaldo.

Sansone show

Nell’Italia che diverte in Spagna c’è anche Sansone che lancia il Villareal al quinto posto in classifica. Dopo il vantaggio firmato dall’ex Milan, Bacca, nella ripresa è il centrocampista italiano a chiudere i conti in contropiede con un diagonale rasoterra.

L’Atletico Madrid fatica ma riesce ad imporsi allo scadere sul campo del Deportivo La Coruna per 0-1 grazie a Thomas al 91′.

Simeone resta così agganciato ai cugini del Real a quota 23 punti.

Il Real Sociedad vince 3-1 con l’Eibar grazie a Willian Jose, Januzaj e Oyarzabal, ora “vede” l’Europa League. Stesso risultato per il Celta Vigo che supera l’Athletic Bilbao. Continua il momento d’oro per il Girona, dopo aver sconfitto il Real Madrid, vince ancora ai danni del Levante. Alavès corsaro contro l’Espanyol (1-0) e tre punti chiave in ottica salvezza. Due reti a testa nel pareggio tra Betis e Getafe.

Derby di Madrid alle porte

Sarà un weekend di fuoco il prossimo in Spagna. La Liga offre il più classico dei derby spagnoli, quello tra Real e Atletico Madrid, entrambe alla ricerca della svolta decisiva per la stagione in corso.

Il Barcellona sarà di scena a Leganes, mentre il Valencia dovrà vedersela lontano dal pubblico amico con l’Espanyol.