Juventus, contro l’Atalanta sfida cruciale con vista scudetto

All’Allianz Stadium i bianconeri proveranno l’allungo

Il giorno è arrivato. Non sarà una sfida da brivido, ma per i tifosi juventini sarà una gara cruciale per continuare a sognare il settimo scudetto consecutivo. Questa sera alle 18 all’Allianz Stadium arriverà l’Atalanta di Gian Piero Gasperini, per un match valido per il recupero della giornata numero 28 del campionato di Serie A, rinviato causa neve il 25 febbraio scorso. In questo momento la Juventus è a +1 sul Napoli ed un’eventuale vittoria contro la Dea permetterebbe alla squadra di Allegri di allungare ulteriormente in classifica, andando a +4. Sarebbe un successo fondamentale, in vista anche dell’incontro di sabato contro la SPAL. A questo punto della stagione ogni dettaglio può fare la differenza ed il Napoli vedendosi a -4 dalla vetta potrebbe risentirne psicologicamente, come accaduto due settimane fa quando i partenopei hanno perso 2-4 in casa con la Roma.

Atalanta senza il Papu Gomez. Social scatenati contro le scelte di Gasp

La formazione che avrebbe voluto schierare Gasperini lo scorso 25 febbraio aveva fatto discutere parecchio: l’Atalanta era reduce dalla dispendiosa gara di Europa League giocata a viso aperto contro il Borussia Dortmund. Per ovviare alla stanchezza dei giocatori, Gasperini aveva scelto di schierare in campo una formazione parecchio rimaneggiata, in vista anche dello scontro di Coppa Italia sempre contro la Juventus del 28 febbraio. I social allora erano come impazziti e l’hashtag “ScansAtalanta” era divenuto una moda. Questa volta potrebbe ripetersi: Gasperini per scelta tecnica avrebbe deciso di escludere dall’11 titolare il Papu Gomez. Ma lo stesso tecnico orobico in conferenza ha spiegato la motivazione: l’argentino avrebbe accusato un affaticamento muscolare. In conferenza stampa, Gasperini ha voluto anche ribadire un concetto: “La mia Atalanta non si è mai scansata.”. Ciò però non basta a calmare le malelingue.

Le probabili formazioni: torna Buffon. Atalanta con Cornelius davanti

JUVENTUS (4-3-3): Buffon; Lichtsteiner, Benatia, Barzagli, Asamoah; Khedira, Pjanic, Matuidi; Douglas Costa, Dybala, Mandzukic. All.Allegri

Indisponibili: Bernardeschi, Cuadrado, Howedes

ATALANTA (3-4-1-2): Gollini; Mancini, Palomino, Masiello; Hateboer, De Roon, Cristante, Gosens; Rizzo; Ilicic, Cornelius. All.Gasperini

Indisponibili: Caldara

 

Juventus-Atalanta i precedenti: nel 2009 pareggio fatale per Claudio Ranieri

La Juventus ha sempre vinto contro l’Atalanta in casa, da quando esiste lo Stadium. Ma in totale la vittoria dell’Atalanta in casa bianconera manca dall’8 ottobre 1989 (0-1). L’ultimo punto degli orobici a Torino risale al 17 maggio 2009: si trattava della terz’ultima giornata di campionato e la Juve di Claudio Ranieri era in piena crisi di risultati. Il 2-2 finale fu fatale al tecnico romano. Dopo la partita venne esonerato e rimpiazzato da Ciro Ferrara. Nel 2014, Padoin ha firmato l’1-0 in una partita sporca, ma è stata la gara disputatasi dopo il capitombolo della Roma in quel di Catania che consegnò lo scudetto alla Juventus. L’anno successivo, i bianconeri trovano un altro successo grazie alla prima rete di Mario Mandzukic con la maglia della Juve, ed alla prima perla di Dybala.

Nel 2012, ultima partita di Alex Del Piero con la maglia della Vecchia Signora

Uno Juve-Atalanta memorabile è quello datato 13 maggio 2012: è l’ultima partita di Del Piero con la maglia bianconera. Al 60° Simone Pepe entra al posto dell’eterno capitano. La partita si ferma. Migliaia di occhi si bagnano mentre Del Piero saluta lo stadio. Un lungo giro di campo che sembra durare un’eternità. Del Piero raccoglie le sciarpe che gli vengono lanciate dalle tribune. Anche lui non riesce a trattenere l’emozione che lo assale. La partita per la cronaca è finita 3-1 ma non ha importanza. Tutti in piedi ad onorare Alessandro Del Piero che decide di lasciare la sua Signora per volare in Australia.