Ilicic vicino all’Inter, ma al posto di chi?

Lo sloveno è a un passo dai nerazzurri

E’ di ieri la notizia rivelante l’arrivo di Josip Ilicic all’Inter; lo sloveno sarebbe a un passo dai nerazzurri e potrebbe svolgere le visite mediche già la prossima settimana. Pertanto, dopo gli acquisti quasi perfezionati di Lautaro Martinez, Asamoah e De Vrij, l’Inter si appresta a mettere a segno il quarto colpo.

Un calciatore abituato alla Serie A

Josip Ilicic arriva in Italia nel 2010, con il Palermo che lo nota in occasione della sfida all’epoca valevole per l’Europa League, tra il Maribor (sua ex squadra) e i rosanero; nella squadra siciliana si mette in mostra con grandissime prestazioni, attirando le attenzioni di squadre più attrezzate; i 3 anni passati al Palermo sono molto positivi per il 30enne sloveno, tanto che viene acquistato dalla Fiorentina.

Qui Ilicic passa altre quattro annate nella massima serie a buoni livelli, con l’apice raggiunto nella stagione 2015/16, con ben 15 reti complessive messe a segno; dopo una stagione al di sotto delle attese lo scorso anno, Ilicic si rilancia nell’Atalanta, dove riacquista un’importante forma e trascina la squadra in un’altra grande stagione; attualmente per lui, sono 15 le reti messe a segno: con un altro gol nell’ultima giornata, Ilicic migliorerebbe il suo record personale.

Il possibile ruolo di Ilicic all’Inter

Come detto, grazie alle grandi prestazioni offerte in questa stagione, Ilicic ha attirato le attenzioni dell’Inter, che lo potrebbe acquistare già nella prossima settimana. Lo sloveno, può ricoprire il ruolo di trequartista, molto più raramente il ruolo di esterno di centrocampo, ma anche l’ala in attacco o la seconda punta. Un calciatore eclettico e multifunzionale dunque, che all’Inter può calzare a pennello in diversi ruoli.

Ma, se l’Inter sta per mettere a segno questo colpo, allora probabilmente la società nerazzurra starà pensando di sacrificare qualche pedina nell’organico. Un indiziato importante potrebbe essere Rafinha, che tanto sta facendo bene all’Inter, ma il cui riscatto costa 38 milioni: forse un pò troppo.

Potremmo anche pensare a Candreva che ha vissuto una buona stagione sul piano del gioco, ma una disastrosa stagione sul piano realizzativo: ancora 0 gol all’attivo per lui in stagione; e ancora, pensiamo ad Eder, che anche quest’anno è stato più in panchina che in campo; Ilicic potrebbe ricoprire il suo ruolo (magari da titolare), a sostegno di Icardi. Sempre che, anche il capitano dei nerazzurri, non decida di trovare nuove fortune altrove.