Il Napoli ritrova Milik. E’ l’asso nella manica di Ancelotti?

Decisivo a 5 minuti al fischio finale, Milik regala la vittoria e i 3 punti al Napoli fondamentali nella rincorsa alla Juve. Che sia lui  l'uomo in più del Napoli nel finale del girone d'andata?

Dopo il pareggio al San Paolo contro il Chievo, ultima in classifica, il Napoli di Ancelotti ritrova la vittoria contro la dea a Bergamo. Grande prova di mautrità contro una squadra capace di rifilare all’Inter, che ha la seconda milor difesa del torneo, 4 gol. Decisivo il cambio di Milik che appena subentrato a Mertens, segna il gol vittoria. “C’è stata una risposta importante da parte del giocatore – spiega Ancelotti – Milik ha attraversato un momento difficile perché non ha giocato con continuità. Si merita una serata così“.

Un passato in infermeria:

Arkadiusz Milik è approdato a Napoli 2 stagioni fa, proveniva dall’Ajax, prelevato per 32 milioni di euro. Secondo le idee di Sarri e De Laurentiis doveva essere il sostituto naturale di Higuain. Purtroppo per il polacco, la prima stagione in terra Partenopea si conclude con 23 presenze e 8 gol per colpa di  una rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro. La stagione scorsa dopo un buon esordio, è ancora il gionocchio a fare crak, questa volta però il destro, rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio destro. Senza contare che in questi anni sono esplosi i talenti di Mertens ed Insigne diventati imprescendibili per il gioco azzurro.

Mai mollare:

Mai mollare, sono molto felice per il gol”. Si legge sul profilo social dell’attaccante polacco. Il suo entusiasmo ha contagiato centinaia di tifosi, decisi a sostenere la squadra a partire da sabato, contro il Frosinone, sperando che l’Inter possa togliere qualche altro punto alla Juventus. “La prima maglia che mi è stata regalata da bambino è stata dell’Inter. Speriamo che i nerazzurri ci facciano un regalo” commenta Ancelotti nel post partita.

Adesso il numero 99 sta bene a livello fisico ed è tornato a segnare gol pesanti, come quello di ieri sera. Nonostante le “gambe di cristallo”, in quest’avvio di stagione Milik ha siglato 5 gol in 12 presenze. Che sia lui  l’uomo in più del Napoli nel finale del girone d’andata? Questo lo sapremo solo fra qualche mese, intanto Arek  si fà trovare sempre pronto per Carletto Ancelotti.