De Zerbi, terzo posto a sorpresa: qual è il suo segreto?

Il Sassuolo continua a vincere

Il Sassuolo, con la vittoria esterna di ieri sul campo della Spal, si gode i suoi 13 punti che di fatto, significano terzo posto solitario. Nessuno avrebbe immaginato questo risultato dopo 6 giornate, sintomo di una grande organizzazione e di un grande condottiero.

Inizio sorprendente

I neroverdi, dopo la stagione dello scorso anno che di certo non è stata esaltante, erano in cerca di rivalsa; pertanto, il presidente Squinzi si è rimboccato le maniche e ha tentato di dare nuova verve alla squadra.

Obiettivo (almeno finora) centrato: il Sassuolo infatti sta vincendo e convincendo giornata dopo giornata. Finora le vittorie in campionato sono ben 4: spicca senza dubbio quella della prima giornata contro l’Inter, ma importanti sono anche quelle contro Genoa, Empoli e Spal.

Un solo pareggio contro il Cagliari, una sola sconfitta contro la Juventus. Niente male per una squadra che ha come obiettivo minimo quello di salvarsi. Eppure, il calciomercato estivo ci aveva già dato dei segnali: gli acquisti di Di Francesco, Brignola, Locatelli ma soprattutto di Kevin-Prince Boateng avevano già dato una scossa all’ambiente.

Ma forse, la vera svolta è arrivata con l’arrivo in panchina dell’allenatore rivelazione del campionato fino a questo punto, vale a dire Roberto De Zerbi.

Stesso gioco, diversi risultati

De Zerbi aveva iniziato la sua carriera da allenatore un pò in sordina: dopo il positivo biennio alla guida del Foggia infatti, la grande occasione su una panchina della Serie A, quella del Palermo. Qui però, il tecnico bresciano stecca, venendo esonerato dopo 7 sconfitte consecutive. E forse qui, il mangiallenatori Zamparini c’entra poco.

Dopo un anno di inattività, De Zerbi viene chiamato sulla panchina di un Benevento ormai sul lastrico; qui però, nonostante un campionato ormai segnato ed una retrocessione, l’allenatore lascia intravedere un bel gioco, propositivo e dinamico.

Tanto che, De Zerbi attira le attenzioni del Sassuolo, che gli offre una nuova esperienza nella massima serie: opportunità importantissima, che De Zerbi finora sta sfruttando alla grande, dimostrando di saper far bene. Domenica sera la supersfida contro il Milan, che ci farà capire se quello del Sassuolo è stato solo un periodo fortunoso, o se davvero i neroverdi quest’anno possono alzare la loro voce.