Coppa Italia, si ripete la finale di Doha: Milan batte Lazio 5-4 ai calci di rigore e vola in finale con la Juve

Milan, una difesa di ferro decide la semifinale con la Lazio

Il Milan di Gennaro Gattuso ha sconfitto la Lazio ai calci di rigore 5-4 e vola in finale di Coppa Italia, che si disputerà il 9 maggio allo stadio Olimpico di Roma. Un’impresa impensabile ad inizio stagione. Il merito è di Gattuso, arrivato in punta di piedi che con le sue idee ha riportato ordine e compattezza in uno spogliatoio diviso. Ma il vero segreto di questo Milan, è la ritrovata solidità difensiva capace di non far segnare nemmeno una rete alla Lazio del capocannoniere della Serie A Ciro Immobile. Infatti, nel doppio confronto tra andata e ritorno è vero che i rossoneri non hanno mai segnato, ma è altresì constatabile che la Lazio non è andata mai in gol. Storicamente, Gattuso nelle squadre che ha allenato fin qui, ha sempre saputo impostare formazioni basate sullo spirito di sacrificio che favorisce la solidità difensiva.

Lazio-Milan 0-0 in 180′. Il bel calcio dei biancocelesti non basta contro questo Milan d’acciaio

Sul piano del gioco la Lazio ha disputato due ottime semifinali. Ma come ha detto Simone Inzaghi in conferenza “non è sufficiente giocare bene. Bisogna segnare.” La Lazio ha dimostrato di essere una grande squadra, ma ancora le manca qualcosa. Per quanto riguarda la partita di ieri sera, i biancocelesti nel primo tempo hanno fatto molto bene, giocando un gran bel calcio, ma nella ripresa sono calati. Merito anche del Milan, che nel secondo tempo ha disputato una grande partita. Tutto ciò non è bastato, dato che le parate di Donnarumma e Strakosha, ai tempi supplementari, sommate agli errori sotto porta di Kalinic, hanno portato il match ai calci di rigore.

Coppa Italia, per il Milan decisivo il rigore trasformato da Romagnoli

Dopo i tempi supplementari, Lazio-Milan si è decisa ai calci di rigore: sorprendentemente i primi tiri dal dischetto vengono sbagliati e parati uno dopo l’altro da entrambe le squadre in un modo quasi comico. Il primo rigore lo timbra Immobile, poi sbagliano in sequenza Rodríguez, Milinkovic-Savic, Montolivo e Lucas Leiva. Dopodiché tutto prosegue regolarmente, fino all’errore di Luis Felipe della Lazio che calcia alto. Allora è il turno di Alessio Romagnoli che non sbaglia. In finale sarà nuovamente Juventus-Milan, per ripetere la finale di Coppa Italia e la Supercoppa Italiana, entrambe datate 2016.