Champions League, c’è troppo Barça per l’Inter. Al Camp Nou termina 2-0

BARCELONA, SPAIN - OCTOBER 24: Rafinha of Barcelona celebrates with team mate Jordi Alba of Barcelona after scoring his team's first goal during the Group B match of the UEFA Champions League between FC Barcelona and FC Internazionale at Camp Nou on October 24, 2018 in Barcelona, Spain. (Photo by David Ramos/Getty Images)

Barcellona-Inter 2-0 / Dopo due grandi vittorie europee contro Tottenham e Psv, l’Inter di Luciano Spalletti era attesa alla prova del Camp Nou, contro un Barcellona orfano della sua stella più luminosa, quella di Leo Messi.

Purtroppo per i nerazzurri, anche senza la Pulce, i blaugrana si sono dimostrati troppo più forti e sono riusciti a portare a casa una vittoria più agevole del previsto. A segnare, due degli uomini meno attesi: nel primo tempo il sigillo è di Rafinha, l’ex della gara, mentre nella ripresa segna Jordi Alba.

La partita

Per ovviare all’assenza di Messi, Valverde opta per la scelta dell’ex della partita, Rafinha e non su Dembelé. In mezzo, Arthur è titolare insieme a Rakitic e Busquets. Sorpresa, invece, tra i nerazzurri, con Miranda che prende il posto di De Vrij accanto a Skriniar, mentre era annunciata la presenza di Borja Valero al posto dell’infortunato Nainggolan.

L’Inter inizia con buon piglio al Camp Nou e al 16′ trova la prima occasione del match con Icardi, che anticipa il portiere su cross di Perisic, ma manda alto. Passano pochi minuti ed il Barça risponde con Lenglet, che da azione di corner chiama Handanovic alla respinta di coscia.

Al minuto 32, il Barcellona passa in vantaggio. Rafinha riesce a tenere un pallone sporco a metà campo e serve sulla destra Suarez. Il Pistolero alza la testa e vede proprio l’inserimento del brasiliano, che da pochi passi supera Handanovic.

L’ultima occasione del primo tempo è sul piede di Vecino, che prova la gran botta da lontano. La palla finisce sul fondo, anche se non di molto.

Nel secondo tempo, l’Inter ricomincia come aveva terminato la prima frazione, ossia riprovandoci con grande cuore. La prima occasione è sul piede del neo entrato Politano, ma l’ex Sassuolo vanifica una grande azione con una conclusione sul fondo. Nei minuti successivi, Handanovic riesce a salvare due volte sui tentativi del Barcellona, finché non capitola al minuto 83. Gran palla di Rakitic per Jordi Alba che controlla in modo splendido a seguire e infila, in diagonale, l’incolpevole Handanovic.

Il 2-0 taglia le gambe ai nerazzurri, che rimangono, tuttavia, a +5 sulla terza nel girone e con la qualificazione sempre più vicina, complice il pari del Tottenham ad Eindhoven.