Caos Slovacchia, Skriniar e compagni al party dopo il k.o. ed il c.t. si dimette

CAOS SLOVACCHIA, SKRINIAR E COMPAGNI AL PARTY DOPO IL K.O. ED IL C.T. SI DIMETTE.

Si è abbattuta una bufera sul calcio slovacco ed in particolare sulla Nazionale. Come se non bastassero le prestazioni negative in Nations League, culminate con la sconfitta contro la Repubblica Ceca dello scorso week-end, il c.t. Jan Kozak si è dimesso nella giornata di domenica. Alla base della sua scelta non ci sono i risultati da rivedere, bensì la scarsa professionalità dei giocatori di maggiore spicco. Questi ultimi infatti proprio al termine della sconfitta contro la Repubblica Ceca sono rimasti ad un party fino a tarda notte, scatenando le ire del proprio commissario tecnico. I protagonisti della notte brava sono il portiere del Newcastle Martin Dubravka, il difensore dell’Inter Milan Skriniar, il difensore del Perugia Norbert Gyomber, il centrocampista del Celta Vigo Stanislav Lobotka e altri 2 o 3 ancora.

LA CONFERENZA

Per spiegare le cause delle due dimissioni Kozak ha indetto una conferenza in cui ha dichiarato: “La sera stessa ho rivisto due volte il video della partita, per poi scoprire che sette giocatori avevano lasciato il ritiro per poi rientrare a tarda notte. Questo episodio mi ha fatto davvero male, come uno schiaffo in piena faccia. Avrei potuto far finta di niente, ma non sarebbe stato nel mio stile. Oppure avrei potuto cacciare i giocatori in questione dalla nazionale, ma onestamente non me la sarei sentita di pregiudicare il futuro della Slovacchia mandando a casa calciatori del calibro di Dubravka, Skriniar e Lobotka, perché la nazionale non può prescindere dalle loro qualità. Allora ho preso la decisione di dimettermi: ho chiamato il presidente, ma non gli ho spiegato il motivo perché questi ragazzi sono come figli per lui e non volevo dargli un ulteriore dispiacere”.