Calcio, Spal-Bologna: Grassi decide un derby dettato dal nervosismo, 1-0 a Ferrara

La Spal passa, tra le mura amiche del Paolo Mazza, sul Bologna. Un derby vinto col cuore, con la grinta. Un derby vinto grazie ad un tiro al volo di Grassi, il pallone schizza sul terreno e beffa Mirante. Così gli spallini vincono ed escono momentaneamente dalla zona retrocessione. Una partita dettata dal nervosismo, due espulsioni, una per parte, e svariate ammonizioni.

PRIMO TEMPO

Dopo soli dieci minuti di gioco il Bologna è già in 10. Antenucci si può involare già verso Mirante, ma prima che riesca a farlo, il numero 7 viene scalciato da GonzalezRocchi non ha dubbi: è fallo da ultimo uomo ed estrae, giustamente, il cartellino rosso. Sulla punizione si presenta Viviani che va vicino al goal. Nella prima mezz’ora è un assedio della SpalGrassi va vicino al goal, così come il suo compagno Antenucci. L’occasione più limpida della prima frazione giunge al 34′ quando Kurtic anticipa bene De Maio e mette in mezzo per Lazzari che, da ottima posizione, mette alto. Non ci sono altre occasioni limpide per le due squadre solo tante ammonizioni, tra cui quella di Donsah. Il ghanese poteva rischiare anche il rosso per l’intervento scellerato sull’ex Atalanta Kurtic.

SECONDO TEMPO

Il vantaggio della Spal arriva sugli sviluppi di un corner. Viviani crossa, il pallone viene messo fuori ed arriva Grassi che al volo insacca il pallone in rete e manda in estasi il Mazza. Dopo il goal subito il Bologna cambia atteggiamento e cerca di raggiungere il pari. Donadoni cambia uno spento Verdi ed inserisce Avenatti. Nonostante l’offensività del Bologna non arrivano palle goal. La Spal è ben chiusa dietro e non vuole scoprirsi . I felsinei cercano il pareggio, ma non riescono a trovare un varco nella difesa di Semplici. Al 92′ viene ristabilita la parità numerica; Matterello viene ammonito per un fallo da centrocampo, ma l’ex Juventus era già stato ammonito nel primo tempo per simulazione, allora Rocchi è costretto a mandare un altro sotto la doccia anzitempo. L’unica occasione rossoblu è l’ultima della partita. Orsolini entrato benissimo in partita, raccoglie una palla in area avversaria e calcia verso la porta, il pallone arriva sui piedi di Destro che, in area piccola e a porta vuota, manda clamorosamente alto. Arriva il triplice fischio e la Spal può festeggiare la vittoria nel derby.