Benfica-Porto 0-1: Herrera decide il “clasico” portoghese negli ultimi minuti

In una stagione in cui gran parte dei principali campionati europei sono già decisi, come quello inglese, quello francese, quello olandese e quello tedesco, in Portogallo i giochi sono ancora parzialmente aperti, a maggior ragione dopo la grandissima sfida di ieri tra le prime due della classe: Benfica e Porto.

Lampo di Herrera al 90′

Durante la partita, entrambe le compagini si sono dimostrate molto attente a non concedere nulla; una partita “di studio”, in cui per gran parte del match, è stata la paura a dominare, considerata l’importanza di questo appuntamento, che in questo caso non è un semplice “clasico” ma uno scontro decisivo ai vertici della classifica.

Di azioni importanti non troppe; si registrano un tiro da posizione invitante effettuato da Pizzi e ben neutralizzato dall’eterno Casillas; sul fronte Porto invece, un tiro da posizione ravvicinata da parte di Marega che si spegne a lato della porta del Benfica.

Quando il pareggio sembrava il risultato ideale della partita, e anche il più giusto, ecco il lampo che non ti aspetti: azione convulsa al limite dell’area del Benfica, con Marega che prova ad incunearsi tra le linee; la difesa respinge il pallone che arriva sui piedi di Héctor Herrera: controllo e tiro potente e preciso che si insacca alle spalle di Varela. E’ una rete pesantissima che fissa il risultato sullo 0-1.

Porto: scudetto vicino

Il gol del messicano Herrera (in forza ai Dragões dal 2013) realizzato al 90′, ha ammutolito uno stadio Da Luz stracolmo di tifosi delle Aquile. Quei tifosi che hanno realizzato, in pochi secondi, non solo di aver perso contro l’eterna rivale, ma anche di aver spalancato la strada alla vittoria dello scudetto al Porto che, con questa vittoria, sorpassa il Benfica.

L’assenza tra le file del Benfica del cannoniere della squadra Jonas è un’alibi, sì, ma non ci si può attaccare solo a questo. A quattro giornate dalla fine, in cui tra l’altro il Benfica se la dovrà vedere al Josè Alvalade contro un’altra delle grandi portoghesi, lo Sporting Lisbona, mentre il Porto avrà un calendario più agevole, questa vittoria dell’ultimo secondo è quasi un verdetto.

Una sconfitta che fa male al Benfica, e che è linfa vitale assoluta per il Porto. Una vittoria che vale doppio.